Praying

unnamed-51

[Verse 1]
Well, you almost had me fooled
Told me that I was nothing without you
Oh, but after everything you’ve done
I can thank you for how strong I have become

[Pre-Chorus2]
‘Cause you brought the flames and you put me through hell
I had to learn how to fight for myself
And we both know all the truth I could tell
I’ll just say this is I wish you farewell

[Chorus3]
I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying

[Verse 2]
I’m proud of who I am
No more monsters, I can breathe again
And you said that I was done
Well, you were wrong and now the best is yet to come
‘Cause I can make it on my own
And I don’t need you, I found a strength I’ve never known
I’ve been thrown out, I’ve been burned
When I’m finished, they won’t even know your name

[Pre-Chorus2]
You brought the flames and you put me through hell
I had to learn how to fight for myself
And we both know all the truth I could tell
I’ll just say this is I wish you farewell

[Chorus3]
I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying

[Bridge6]
Oh, sometimes, I pray for you at night
Someday, maybe you’ll see the light
Oh, some say, in life, you’re gonna get what you give
But some things only God can forgive

[Chorus3]
I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying

Questa è una canzone di Kesha e devo dire che mi piace molto. Credo sia la prima canzone ufficialmente sua che produce dopo anni, anche se ancora sotto il dominio del Dr Luke.

praying-official-video-kesha

Il testo mi piace molto, mi dà speranza. Soprattutto visto il processo che sta segnando così tanto la cantante e tutto il passato che si cela dietro ad esso, beh, si sente che è una canzone vissuta sulla sua pelle! Il soliloquio all’inizio del video certamente mostra tutta la sua fragilità, mostrata sicuramente anche dalla stigmate di occhi che si è tatuata o il vestito di reti; ogni nota è un sospiro che diventa un urlo di forza che culmina nell’acuto alla fine del ‘Bridge 6’; acuto che mi ha sollevato l’attenzione al primo ascolto, rafforzato dal coro della strofa precedente. Il video, pur mostrando i colori che lei ha sempre mostrato nei suoi singoli, presenta anche la sua voglia di combattere, con lei che scappa da uomini-maiali (da cui cola dello schifo) e che rompe dei televisori su cui sono scritte alcune critiche (anche Lady Gaga si era ribellata ai media con la canzone Do what u want).

Questa canzone, lodata dalla critica, segna finalmente il ritorno di Kesha, artista di cui non sono un grandissimo fan ma che ho sempre ascoltato con piacere. Da ricordare sono anche gli altri due singoli Woman, canzone super femminista, e Learn to let go.

kesha-praying-singing-song

Pubblicato da

Austin Dove

Mi chiamo Antonio, sono uno studente della facoltà universitaria di Scienze ambientali presso Ca' Foscari a Venezia. Pur studiando materie legate all'ambiente, la mia passione è l'arte e quindi qui provo a condividere ciò che apprezzo e le mie riflessioni! Ciao!^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...