Parassitoidi al cinema: Xenomorfi

Buongiorno!
Oggi torno a parlare di cinema ed ecologia ispirato da uno scambio di commenti avuto con lo Zinefilo riguardo al film Dead in the water. Argomento del post di oggi? Il parassitoidismo e di come lo Xenomorfo sia stato ispirato da questo fenomeno ecologico naturale.

Ma prima di tutto, cosa sono i parassitoidi?

Premettendo che la predazione è il processo in cui un organismo si ciba di un altro (quindi sì, anche i vegani sono predatori), la predazione ha sempre un effetto negativo sulla preda.
Inoltre, è importante sapere che nel parassitismo un organismo si nutre a spese di un altro essere vivente, ma raramente lo uccide. I due esseri, parassita e ospite, vivono insieme per qualche tempo; l’ospite di solito sopravvive, ma avrà una fitness ridotta.

E cosa c’entrano i predatori e i parassiti con i parassitoidi? Semplice: i parassitoidi si trovano nella linea di mezzo tra queste due categorie di organismi.
Il parassitoidismo, come la predazione, alla fine risulta nella morte dell’organismo ospite.


I parassitoidi, ai quali appartengono certe vespe e mosche, depongono le uova sopra o all’interno del corpo ospite (il quale ricordo essere vivo). dopo la schiusa, le larve su nutrono dell’ospite fino al raggiungimento dello stadio di pupa; qui di solito l’ospite soccombe o, per ironia della sorte, a causa di sostanze chimiche rilasciate dalle larve, è influenzato a proteggere le pupe anche dopo che esse sono uscite dal suo corpo.
Bisogna pensare che questi parassitoidi sono animali molto piccoli e che spesso usano come contenitori vivi per le uova animali ancora più piccoli (e indifesi) come bruchi, cavallette, coccinelle, altre vespe allo stadio larvale, piccoli mammiferi.

Ma cosa succederebbe se esistessero parassitoidi in grado di predare l’uomo? Ecco, è su questo concetto, questa paura primordiale inconscia, che si basa l’orrore di Alien.

Lo Xenomorfo è un parassitoide, tutto il primo atto di Alien non è altro che il racconto romanzato del periodo della schiusa dell’uovo con la larva, finalmente pronta a vivere, che esce dal corpo della vittima.
Come fanno le uova ad entrare nel corpo dell’uomo? Semplice, con il Facehugger! E cosa ne esce dall’uomo, uccidendolo? Un fottutissimo Chestburster, che altro non è che la fase larvale del celebre mostro!

Interessante dettaglio: nel videogioco Alien: Isolation, se un Facehugger prende il tuo personaggio, è gameover. Perché esso riesce ad immettere nell’organismo del giocatore le uova, condannandolo così a morte certa.

Ora capite perché Alien fa così paura? Alla fine, tutto quello che succede in quell’astronave è una metafora di quello che succede realmente sulla Terra nella vita di tutti i giorni a milioni di poveri piccoli animali indifesi.
E noi, nell’inconscio, lo comprendiamo benissimo. E speriamo non accadrà mai a noi.

Fonte:
Thomas M. Smith Robert L. Smith, Elementi di ecologia, nona edizione, Milano, Pearson Italia, 2017, edizione italiana a cura di Anna Occhipinti Ambrogi e Agnese Marchini.

Pubblicato da

Austin Dove

Mi chiamo Antonio, sono un appassionato di cinema. Pur avendo studiato materie legate all'ambiente, la mia passione è l'arte e quindi qui provo a condividere ciò che apprezzo e le mie riflessioni! Ciao!^^

18 pensieri su “Parassitoidi al cinema: Xenomorfi”

  1. La cosa incredibile è che in quarant’anni di interviste nessuno del cast tecnico-artistico abbia mai citato i poveri insetti che subiscono sulla Terra lo stesso trattamento ricevuto dai protagonisti dei film della saga di Alien: che davvero pensino che quel comportamento sia stato inventato per il film? 😛
    Ho passato molto tempo a giocare al videogioco “Aliens vs Predator” 1 e 2, e quando arrivavano i facehugger era il momento peggiore, perché essendo piccoli non sempre li vedevi in tempo e se ti prendevano era “game over”, essendo impossibile sopravvivergli. Più divertente nel secondo capitolo “guidare” prima un facehugger e poi un chestburster, facendosi addirittura largo nella gabbia toracica di una povera vittima! Giochi d’altri tempi…
    Comunque mi preme ricordare che il vero inventore dello xenomorfo è A.E. Van Vogt, uno dei grandi maestri della fantascienza classica che nel 1939 inventò una storia leggermente scopiazzata da O’Bannon per “Alien”. Infatti nel ’79 Van Vogt fece causa al film “Alien” e la faccenda si è chiusa al solito modo: la casa ha pagato due spicci per togliersi di mezzo la questione. Il povero Van Vogt non aveva idea che il film sarebbe diventato iconico, incassando tanti soldi, altrimenti non si sarebbe accontentato delle briciole ottenute.
    Dico questo perché è giusto ricordare il povero Ixtl del romanzo “Crociera nell’infinito”, povera creatura spaziale che usa gli umani per depositare le sue uova e troppo poco citata dai fan alieni 😛

    Piace a 2 people

    1. Infatti molte volte sono i critici (in questo caso io, 🌟) che riescono ad analizzare il film in modi che cast tecnico e artistico manco pensavano. Con livelli di lettura dati da culture diverse.

      Povero! Sarebbe interessante sapere se LUI conoscesse questo fenomeno!

      Cmq mi avevi già accennato che Alien come saga non è la cosa più originale al mondo

      Piace a 2 people

      1. Van Vogt probabilmente conosceva il fenomeno, sapeva scrivere fantascienza perché comunque aveva un minimo di conoscenza scientifica (la fantascienza senza scienza è solo fanta, sperando che non sia sgasata 😛 ).

        Crociera nell’infinito era un inno alla scienza e alla collaborazione, senza certe cazzate tipiche di alcuni scienziati vanagloriosi e baroni, che fanno classifiche tra le materie dicendo “la mia è la migliore tra tutte”: ogni crisi affrontata dalla spedizione veniva risolta grazie a un personaggio, uno scienziato “non specializzato” definito connettivista, che riusciva a mettere in comunicazione le diverse branche della scienza e i suoi praticanti.

        Sono un caprone e perciò non me ne accorgerei, rileggendo il libro, ma non mi stupirebbe se le poche informazioni scientifiche scritte nella storia fossero in parte superate, come minimo. Ma il messaggio resta valido e ne fa una buona lettura 😉

        Piace a 2 people

      2. Conosco la sensazione 😀
        Comunque, se ti interessa, ho appena visto su ebay che Crociera nell’ infinito si trova facilmente a pochi euro, nella vecchia edizione della Newton: con tre o quattro euro, spedizione compresa, si recupera.

        Piace a 1 persona

      3. @Conte Gracula
        Verissimo, quel romanzo dovrebbe essere lettura obbligatoria per chi studia materie scientifiche, visto che di solito è proprio quando le branche del sapere si uniscono che si ottengono ottimi risultati, piuttosto che quando ognuno va per sé convinto di essere migliore di tutti. Ogni avventura di quella saga – che poi erano racconti singoli pubblicati su riveste, in seguito raccolti in volume – dimostra che unendo le forze ma soprattutto le menti si possono risolvere anche le soluzioni più irrisolvibili. Se per esempio uno xenomorfo sale a bordo e semina uova dentro le persone, facciamo partire l’auto-distruzione per poi fermarla all’ultimo secondo. 😛 (anche se Ripley invece per un pelo fallirà nell’impresa.)

        Piace a 2 people

  2. I parassitoidi sono creature che sembrano uscite direttamente da un incubo: quando anni fa ho scoperto la storia della vespa che depone le uova nel bruco sono quasi stato male! Ho anche scoperto l’esistenza di un verme acquatico che entra nella bocca dei pesci e si sostituisce alla loro lingua, che privata del sangue si secca e cade. Davvero, gli incubi!

    Alien è un film terrificante per tanti motivi, e quello che hai sottolineato è davvero fondamentale: la paura di essere mangiati è forse una delle più antiche e profonde dell’uomo (basta vedere in quante storie ci siano mostri che mangiano i bambini), e qui è usata in modo magistrale!

    Piace a 1 persona

    1. ciao^^
      sì, però è anche molto interessante! mi ricordo che per una volta trovai qualcosa di ecologia che si riconducesse direttamente al mondo del cinema ed ero molto emozionato ✨

      poi i prof erano soliti mostrarci durante le lezioni alcuni filmati e ti dico, il parassitoide delle mantidi è molto peggio

      ma niente supera come il cetriolo di mare preda 🤣🤣🤣

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...