Cucina: pane all’uovo

Buongiorno!

Oggi torno con un post di cucino ispirato da un post di Instagram ma da cui si distacca nella preparazione: riquadri di pane con dentro un uovo e il condimento a scelta! Una ricetta semplice per una colazione all’americana o un pranzo da portare via e riscaldare in seguito.

Ecco la ricetta:

  1. Prendi una padella o una piastra e cospargila di olio o burro, per renderla antiaderente; accendi la fiamma del fornello per iniziare a riscaldare.
  2. Da una fetta di pane, taglia da essa un quadrato interno abbastanza grande per formare una cornice con la fetta rimasta e metti la cornice sulla padella.
  3. Ora che hai la cornice che sta cuocendo, svuota il guscio d’uovo (con tuorlo e albume) dentro alla cornice di pane e con la forchetta rompi l’albume in modo che si sparga in modo omogeneo dentro al buco del pane.
  4. Subito aggiungi il condimento desiderato sull’uovo (se esso è particolarmente grasso, cuocilo prima) in modo che si amalgamino.
  5. Ora, prendi il quadretto di pane lasciato da parte e mettilo sopra al condimento per formare un coperto al buco della cornice.
  6. Con la spatola, capovolgi il tutto in modo che il quadretto, la cornice e il ripieno si uniscano durante la cottura e formino un piccolo toast ripieno.
  7. Dopo qualche minuto a seconda della cottura voluta, togli il pane all’uovo e lascialo raffreddare sul piatto.
  8. Se sei capace, puoi mangiare; non ti spiego come fare anche quest’azione così astrusa.

Come avete potuto capire è una ricetta incredibilmente semplice; il mio ripieno era costituito da sale e a seconda del panino wurstel o pancetta. La ricetta originale prevedeva anche formaggio (che non posso mangiare), cipolla, verdurine tritate, che non avevo voglia di preparare. Forse il mio pane all’uovo era troppo morbido, soprattutto quello con la pancetta, ma con le posate si può gustare perfettamente.

Inoltre, quando mia mamma ha provato a svolgere questa semplice ricetta ha trovato una buona variante: ha schiuso le uova e lavorate in una terrina per introdurre nella cornice di pane un fluido già più omogeneo e facile da maneggiare in padella.

Fatemi sapere se voi avete mai fatto qualcosa di simile, con questo vi saluto. Ciao.^^

PS: ho deciso di condividere nell’articolo anche alcune idee da altre blogger che hanno deciso di condividerle: Raffa e Madame Verdurin.

Raffa dice: ” Ho detto: bell’idea! E le ho fatte come cena, da mangiare nel piatto con le posate. Niente pancetta, ma tanto formaggio. Mi dispiace che non lo puoi mangiare, ma sull’uovo caldo il formaggio filante è la fine del mondo. Le ho chiamate uova tostate. A proposito: il buco lo faccio rotondo, con un bicchiere.”

Madame Verdurin aggiunge, per San Valentino: ” … Con il buco a forma di cuore, piatto perfetto (e semplicissimo!) … uso un semplice stampino per biscotti.”

Ciambelle dolci senza lattosio

Buongiorno! Oggi torno con un post di cucina dopo essermi fatto ispirare dal delizioso post della grande Lara di Non aprite quel forno: Graffe al forno. Io non essendo in grado di cucinare le ho fatte diventare delle normali ciambelle, di cui ora condivido la ricetta che prendo in prestito da lei!

INGREDIENTI (per 12 graffe)

300 gr di farina tipo ‘0’

250 gr di patate lesse

120 gr di zucchero

1 cucchiaino e mezzo di sale fino

40 gr di burro / burro chiarificato

1 uovo

35 gr di lievito madre essiccato

1 aroma di vaniglia

zest di 1 limone naturale

100 ml di latte / latte senza lattosio

100 ml di acqua

Per la rifinitura:

1 cucchiaio di zucchero

20 gr di burro / burro chiarificato

PROCEDIMENTO

  1. Ponete nel boccale della planetaria tutti gli ingredienti, ad eccezione di quelli previsti per la rifinitura; la stessa cosa potete benissimo farla a mano.
  2. Amalgamate in modo omogeneo sino ad ottener un panetto liscio ed elastico.
  3. Ora stendete la pasta, con l’ausilio di un mattarello, dello spessore di 1 cm circa e con l’aiuto in un tagliapasta tondo (io ho usato una piccola terrina) ricavate le ciambelle a cui praticherete il foro centrale con un taglia pasta tondo di minor dimensione.
  4. Disponete le ciambelle ottenute su una leccarda da forno, foderata con carta da forno.
  5. Con l’aiuto di un pennello spalmate ogni ciambella con il burro fuso (quello previsto per la rifinitura).
  6. Cospargete ogni ciambella con zucchero.
  7. Ponete a lievitare in luogo coperto e tiepido fino al raddoppio.
  8. Infornate in forno caldo e cuocete a 180°, forno ventilato, per 10/15 minuti circa.

Commento:

Prima di tutto la ricetta è del blog Non aprite quel forno, non è mia e vi consiglio di andarlo a visitare perché ha ricette veramente belle.

Come secondo punto, la ricetta è molto semplice e chiunque può riuscire a prepararla: ce l’ho fatta pure io e sono venute buone! A dire la verità, a causa dell’inesperienza in cucina ho dovuto bloccarmi svariate volte, vuoi perché non avevo letto che le patate dovessero essere lesso o perché mi ero dimenticato di scongelare il burro. Tuttavia, tutto è venuto bene anche se con ritardi abbastanza importanti e durante il riposo della pasta essa è lievitata un botto in sole 3 ore!

Le porzioni che ho fatto erano da 10 ciambelle belle grandi e ho fatto mia la ricetta rendendola senza lattosio, per cui anche gli intolleranti possono apprezzarle. Che altro dire, se volete altre ricette a sinistra nella homepage trovate la varie categorie tematiche anche Cucina in cui ci sono altre ricette sfiziose da provare.

Ciaone burlone e visitate il blog, che senza quello non ci sarebbe stato questo post!

Pane di sfoglia al cioccolato e burro

Buongiorno, eccoci di nuovo con un post di cucina!

Questa volta mi sono preso un po’ di tempo per me, dopo un esame per cui mi sono preparato da tempo e che è andato piuttosto bene per la mia media universitaria; la ricetta non proviene da un libro ma da un blog di cucina: PIATTORANOCCHIO, da cui prenderò anche gran parte dei punti della ricetta anche se con un mio commento.

Ingredienti per 9 saccottini medi:
1 rotolo pasta sfoglia rettangolare;
1 tavoletta ritter sport fondente extra cacao del Perù 74%;
100 gr di ottimo burro di panna (il mio per ovvi motivi era chiarificato).

Procedura:

Srotolare le pasta sfoglia sulla carta in dotazione. Con un coltello affilato prelevare un “foglio” di burro dal panetto e adagiatelo su di una metà della pasta sfoglia, ripiegatela in due e con un mattarello e un velo di farina se vedete che attacca, spianarla leggermente. Ripetere con un altro foglio di burro su metà della sfoglia spianata e ripiegare sopra la pasta sigillando all’interno il burro. 

Quando tutto il burro è stato incorporato alla pasta sfoglia, stendere in un rettangolo e ottenere con il coltello 9 rettangolini. Tagliare con un coltello affilato il cioccolato fondente in una striscia larga come il rettangolo di pasta, adagiarla su di un lato corto e arrotolare una prima volta, ripetere con altro cioccolato e arrotolare ancora.

Spennellare ogni saccottino con il tuorlo d’uovo e cospargere di gocce di cioccolato. Portare il forno a 200°C in modalità ventilata poi abbassare la temperatura a 180°C , cuocere per circa 10 minuti oppure fino a completa doratura.

Commento:

Allora, sarò impedito io ma la ricetta nella mia testa me la immaginavo molto ma molto più semplice; basta dire che con i suoi ingredienti al posto di nove sfoglie me ne sono uscite otto! E due sono piccolissime! Ma andiamo con ordine.

Già solo srotolare il foglio di pasta sfoglia è stata un’impresa perché tiravo tiravo ma non s’apriva; peggio delle fauci mio cane quando gli dobbiamo fare ingoiare la pastiglia per il cuore! Poi, una volta aperta totalmente, mi sono accorto che era girata nel verso sbagliato. BENISSIMO! Quindi, dopo averla rimessa nel verso giusto, ho ricominciato a seguire la procedura.

La cosa del burro, per ricoprire metà area della pasta e poi ripiegarla su stessa, non dev’essere andata molto bene. Infatti, mi sembrava ogni volta di mettere poco burro e quindi ne mettevo tre piccoli pezzi per colonna, poi due e infine uno. Il problema è sorto quando dovevo ripiegare la sfoglia e lavorarla con il mattarello: colava burro dappertutto (e non era un porno!), non si era incollato nulla e il tutto sembrava più della colla in procinto di aderire alla superficie… Comunque, con tanta farina sono riuscito ad arginare il problema.

Per il cioccolato non ho avuto problemi anche se la lastra non voleva tagliarsi nè frantumarsi; solo la decapitazione delle sue estremità ha sortito un grande effetto! Invece, per l’uovo qualcosa sì ma solo perché non mi ricordavo quale dei due fosse il tuorlo…

Commento finale:

Cucinare questo dolce di sfoglia è stata una bella impresa, se qualcuno sa che è successo col burro e me lo spiega mi fa un piacere. Alla fine è stato semplice e divertente, credo che molte mie difficoltà fossero legate alla mia totale inesperienza ai fornelli e alla mia poca scioltezza. E voi, avete mai provato qualcosa del genere?

Ditemelo nei commenti, ciaone e alla prossima!^^
Fonte: https://piattoranocchio.com/2020/11/16/pain-au-chocolat-il-saccottino-dai-e-ri-dai/

Se ti è piaciuto il mio approccio alla cucina, ecco altre ricette:

– Torta al salata al tonno: QUI

– Torta di carote: QUI

– Pizza fatta in casa: QUI

Ma quanto sono bellini, vero? VERO??

Torta salata al tonno

Come si fa una semplice torta salata al tonno? Un piatto veloce e accessibile a tutti? Beh, seguitemi nella ricetta e anche voi potrete cucinare la vostra!

Ingredienti:

  • 320 g di tonno sott’olio
  • 50 g di capperi
  • un cumuletto di grana o due mozzarelle
  • una grande forma di pastasfoglia

Procedura easy easy.

Per prima cosa bisogna scegliere su quale base costruire la torta salata; personalmente avevo scelto una forma preconfezionata di pasta sfoglia ma vedendo il risultato forse sarebbe stata meglio una pasta per pizza. Quindi,  scelta la teglia adatta, si iniziano a preparare gli ingredienti del ripieno. La pesata del tonno non è necessaria, basta aprire due scatolette e far colare in un bicchiere l’olio in cui la carne è conservata (è pur sempre d’oliva!) e per i capperi l’ho compiuta usando una tazza e una forchetta – così il liquido rimaneva nel vasetto. Il grana è importante perché fa da legante nel ripieno e l’ho usato al posto della mozzarella perché intollerante al lattosio; sono sicuro che con la mozzarella il tutto viene non solo meglio ma anche più morbido. Allora, dopo aver preparato gli ingredienti del ripieno li si miscela insieme in una terrina con un mestolo e infine si ripone il tutto nella forma di pastasfoglia. Il tempo di cottura, in forno, è quello della base di pasta.

Commento finale:

La torta salata al tonno è un piatto non solo molto gustoso ma anche incredibilmente semplice e veloce; esistono innumerevoli varianti per cucinarlo, io ho solo dato un’idea!

Come fare la pizza

Come preparare una torta di carote 

torta salata con tonno capperi e grana

 

La torta di carote!

Buongiorno! Finalmente ho cucinato qualcosa di elaborato anche io e orgoglioso del successo, ho deciso di condividere con voi la ricetta e la mia esperienza!

torta alle carote.jpg

La torta in questione è la torta di carote, una delle mie preferite e sicuramente una delle poche che posso mangiare senza prendere intragratori o stare male: è totalmente senza latte e derivati! Facile da cucinare e così buona da piacere ai bambini più schizzinosi, finalmente posso consigliare anche io un piatto squisito e leggero, dopo mesi in cui la mia sezione del blog, cucina, poteva vantare un solo articolo riguardante una pizza venuta pure male!

Ora vi posto la ricetta, dopo ci facciamo due risate con la mia esperienza!

Ingredienti, dose per sei persone:

  • 300 g di carote non legnose;
  • 200 g di farina bianca 00;
  • 100 g di zucchero semolato;
  • 80 g di olio di semi;
  • 2 uova;
  • lievito in polvere;
  • 1 bustina di vanillina;
  • zucchero a velo (a scelta);
  • poco burro o staccante per la cottura;
  • sale.

Tempo richiesto: circa mezz’ora; calcolare in aggiunta anche un’ora tra cottura e raffreddamento.

Preparazione:

Applicate lo staccante ad uno stampo a cerniera del diametro di 24 centimetri. Raschiate le carote, lavatele e affettatele lasciandole cadere direttamente nel vaso del frullatore; unite le uova intere e l’olio di semi, poi frullateli sino a quando avrete ottenuto una poltiglia cremosa e ben omogenea. Versatela in una ciotola ed incorporatevi lo zucchero semolato, la vanillina, un pizzico di sale, la farina mescolata a mezza bustina abbondante di lievito e fatta cadere a pioggia dal setaccino. Dopo avere mescolato bene con un cucchiaio di legno, versate l’impasto nello stampo preparato, battendolo un momento sul piano del tavolo; passatelo quindi in forno già caldo a 180° e dopo 35 minuti infilate nella pasta uno stecchino di legno: se ne uscirà asciutto estraete la torta di carote e capovolgetela su una gratella. Lasciatela raffreddare e tirate un sospiro di sollievo: siete riusciti a cucinare perfettamente una buonissima torta di carote! A vostra scelta la possibilità di decorarla con lo zucchero a velo o nell’impasto aggiungere gocce di cioccolato, con cui va a meraviglia.

Resoconto personale:

Io non sono molto bravo nei lavori manuali e in cucina il discorso non cambia: la semplicità estrema della preparazione di questa buonissima torta di carote ha salvato metà del lavoro anche perché nella mia totale inesperienza avevo inevitabilmente combinato casini. Il mio errore più grave è stato sicuramente miscelare la farina con lo zucchero dall’inizio, ma per fortuna la riuscita non è stata compromessa: il giorno dopo ho portato il dolce ad attività dai Lupetti ed è stato un vero e proprio successo! Consiglio a tutti di provare questa torta di carote perché è molto semplice ed è uno dei pochi dolci che non richiede alcun tipo di burro, diventando di prepotenza anche molto leggera e nemmeno troppo ingrassante!

Ciaone a tutti, grazie per essere passati. Alla prossima!^^

torta alle carote, preparazione 1.jpg

Cucina: come fare la pizza

Ciao a tutti!

Ho fatto la pizza tutta da me e la seconda volta è andata benissimo! Dico seconda perché il primo tentativo è stato rovinoso avendo letto tre cc di olio e di acqua e quindi era venuto un pastone assurdo, buttato dove abbiamo i rifiuti vegetali lontano dagli occhi dei miei familiari. Disastro. La seconda volta è andata benissimo, tra lievito e autolievitante la pasta era tantissima e anche se mancava la mozzarella era molto buona.

Consiglio a tutti di divertirsi in cucina, al massimo si va a mangiare fuori se il risultato è impietoso come succede a me. xD

Ingredienti:

-300 g di farina, consiglio 00 e autolievitante

-3 cucchiai di acqua tiepida nella quale è sciolto il lievito

-3 cucchiai di olio di semi

-15 prese di sale

-tutta la farina che avete in casa per non lasciare che la pasta si attacchi sul tavolo, griglie e mattarello xD

Procedura:

Mettete tutti gli ingredienti nella terrina e amalgamate e miscelate come se non ci fosse un domani, poi togliete dalla terrina e fate una palla a riposare. 

E infine condite!!!!!

P_20180316_203910.jpg

PS: se avete procedimenti migliori sono bene accetti. xD

 

Pancakes alla Nutella – Livello imbranato

O MIO DIO!!!
Ho trovato la soluzione ai miei problemi!!!

Negato per la Casa

Cosa c’è di meglio di una colazione abbondante e originale per iniziare la giornata? Ebbene, se vuoi sorprendere piacevolmente la tua lei/il tuo lui o i tuoi bimbi non ti resta che provare questa ricetta veloce e golosa: i Pancakes alla Nutella.

Ingredienti

(per 4-5 pancakes)

  • uova-2.300x250.304661 uovo
  • 1000033922-eridania-zucchero-classico-semolato-bianco-confezione-da-1-chilogrammo40 gr di zucchero
  • farina00.jpg100 gr di farina 00
  • latte100 ml di latte
  •    819UCJYFG2L._SY450_.jpg    Nutella a volontà

Procedimento

Sbatti l’uovo e lo zucchero in una ciotola, con l’aiuto di una forchetta. Aggiungi la farina e mescola, unisci il latte e mescola di nuovo, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Con un tovagliolo o scottex cospargi una piastra o una padella antiaderente con un sottile strato di olio e falla scaldare.

Versa al centro una parte del composto, dopo due minuti gira il pancake con l’utilizzo di una spatola. Il pancake sarà cotto quando il colore giallo si trasformerà in un colore…

View original post 59 altre parole