Rigiocando Batman Arkham: City e Asylum

Buongiorno! Come ben saprete sono un accanito videogiocatore, prima su PC e ora su PS4, senza dimenticare mai il Nintendo. Una serie che ha caratterizzato le prime due console è sicuramente Batman Arkham, che ho sia su Steam sia nella PS4. Oggi quindi torno a parlare di videogiochi, condividendo com’è stato riprendere i due titoli in una nuova versione.

Come feci alcuni anni fa al computer, la prima versione che ho provato sulla playstation è stato Batman Arkham City per poi dedicarmi ad Asylum in seguito.

Entrambi i videogiochi basano la propria trama su una missione da compiere, con un villain principale e tutti gli altri criminali che si ergono nello sfondo sia come antagonisti sia come pura lore. City è ambientato in una parte murata di Gotham mentre Asylum come dice il titolo nel celebre manicomio; entrambi luoghi circoscritti, entrambi ricolmi di segreti da svelare e piani da sventare. I protagonisti dei due videogiochi sono Batman e Joker, con ulteriori apparizioni di altre tre villains importanti: Poison Ivy, Harley Quinn e l’Enigmista! E i loro sgherri.

Batman Arkham City dal punto di vista grafico è sempre fenomenale e la trama è molto bella e accattivante, anche se in alcuni punti rallenta troppo (la malattia di Batman). I boss sono ben bilanciati con varie sezioni che si alternano per rendere equilibrato il gameplay: boss da sconfiggere con armi specifiche, sezioni da Cacciatore nell’ombra, scontri alle armi bianche e infine l’inquietante parte di Mr Freeze. Inoltre, il gioco vanta pure la trama di Catwoman, con boss e nemici tutti suoi, che si intreccia con quella di Batman.

Giocare al titolo è stato molto bello anche se ci sono dei ‘ma’. Il primo è il volo, che per colpa del joystick troppo sensibile, rendeva difficile fare manovre di fino. Il secondo era la lotta: non so perché la telecamera non seguiva il combattimento e Batman si bloccava a metà attacco, rendendo impossibile fare una qualsiasi combo. Per il resto tutto molto bello, con particolare apprezzamento per i boss e le sezioni da Cacciatore dove potevo sbizzarrirmi su come mietere i nemici.

Batman Arkham Asylum invece è un videogioco molto più breve e semplice (è il capostipite della saga dopotutto), ma ciononostante non so perché ma su PS4 gira meglio: i tratti di volo sono quasi inesistenti, i combattimenti girano bene e le sezioni Cacciatore grazie sono più impegnative. La grafica sempre figa, soprattutto per le piante di Poison Ivy e i mostri.

La trama ruota attorno all’evasione di Joker dal manicomio, evasione che si scopre architettata da fin troppo tempo per non nascondere secondi fini. Compatta ed effetto, per un’esperienza di gioco non dilungata ma significativa. I boss riprendono dinamiche spiegate durante la trama e differiscono l’uno dall’altro, con Killer Croc che ha un’unica apparizione come villain ma che non si scorda facilmente per il senso di claustrofobia che essa porta con sé. Ma il senso di claustrofobia è sentito in tutta l’isola su cui il manicomio sorge: Batman è sempre dentro ad edifici stretti e scuri e costantemente sotto attacco, con snodi narrativi veramente impensabili per la brevità della trama.

Insomma, questi due videogiochi riscoperti sono stati veramente una boccata di aria fresca. La colonna sonora che caratterizza il brand è veramente immersiva e il gameplay procede bene. Forse per adesso il mio preferito è Asylum anche se il titolo con la maggiore rigiocabilità è sicuramente City.

Ora sto ultimando Batman Arkham Knight, ma pur essendo un bel titolo possiede alcune caratteristiche che me lo fanno detestare, facendolo cadere a una delle peggiori versioni della saga. Piccolo spoiler? La Batmobile, per chi ci ha giocato. E qui vi saluto, per il futuro vi anticipo che prima o poi potreste trovarvi a leggere a una Fanfiction dedicata all’universo di Gotham! Ciao!

Link alla mia recensione di Batman Arkham Asylum: qui

Link alla mia recensione di Batman Arkham City: qui

Link all’evoluzione di Poison Ivy nei due titolo della saga: qui

Batman Vampire

batman vampire
Filosofico e violento, raffinato e potente!

Batman Vampire è una trilogia narrata in graphic novel e basata sui personaggi dell’universo DC di Batman in un mondo alternativo. Scritta da Moench e disegnata da Jones, la trilogia è composta da:
-Libro uno, Batman e Dracula, pioggia rossa
-LIbro due, Batman: tempesta di sangue
-Libro tre, Batman: nebbia cremisi

Commento al libro:
Non avevo mai letto sul serio e in cartaceo una storia di Batman ma sapevo che questo personaggio, il suo universo, potesse essere interpretato in chiavi estremamente dark; in questo caso, è stato riletto in chiave gotica come la corruzione dell’uomo giusto e del raziocinio umano.
Per tutta la storia possiamo leggere i pensieri di un Batman che si ritrova ad affrontare Dracula, il quale dall’Europa è arrivato a Gotham per reclamare un raccolto di sangue e nuovi adepti. Sono i pensieri del Cavaliere Oscuro, assieme ai disegni, che sanciscono il lento ma inesorabile declino psicofisico del nostro eroe, portando sulle pagine un dramma a tinte sempre più violente e tristi.
Molti personaggi, tutti i personaggi più famosi di Batman, si succedono tra le pagine di questo libro a disegni; molti vengono reinterpretati per dare una visione più drammatica degli avvenimenti pur mantenendo il contenuto essenziale della storia di quel personaggio: l’assassina di criminali Talya diventa una vampira che si sacrifica per uccidere Dracula e Selina nasce dal morso di un non morto divenendo una gatta mannara.
Parlare di questo capolavoro senza fare spoiler è veramente difficile, quindi dico solo: leggetelo e non ve ne pentirete!

~ Tratto da: https://ilblogditony.blogfree.net/?t=6161156

Commento generale sulla trasposizione di Dracula:

Batman Vampire ha le sue basi sulla figura di Dracula. La narrazione della trilogia si fonda su questa domanda: cosa sarebbe successo se, ai giorni nostri, Dracula non avesse chiamato nel suo castello Jonathan Harker ma si fosse diretto in una città protetta da un Oscuro Crociato? In questa visione, Dracula ha perso tutte le connotazioni romantiche del capolavoro Dracula by Bram Stoker e ritorna alle origini del romanzo: l’uomo è un dannato succhiasangue, una bestia con il cervello di un uomo ma senza la sua coscienza. Le atmosfere gotiche, le nottate piene di nebbia e le incursioni diurne per attaccare il Male che si annida in ricche ville sono tutti dettagli che vengono riproposti fedelmente; potrei dire di leggere il libro a fumetti come antipasto al romanzo vero e proprio perché Batman Vampire narra gli abomini partoriti dall’oscurità: come dice Goya, il sonno della ragione genera mostri; e questa trilogia ne è la dimostrazione perfetta. Come in Dracula, il lettore è partecipe del declino del protagonista, delle sue paure che diventano realtà, della consapevolezza di combattere qualcosa di malefico e antico; se nel romanzo i personaggi mostrano i loro pensieri attraverso il dialogo, nel fumetto ci sono le didascalie nelle quali Batman riversa le riflessioni e i timori che lo pervadono. I due media, Dracula e Batman Vampire possiedono due linguaggi differenti, uno la fantasia veicolata dalle descrizioni e l’altro un mondo scaturito da immagini raffinate e dialoghi filosofici; ma sono molto più vicini per tematiche e significato di molte altre trasposizioni del celebre romanzo.

draculaLucy02
Se ti piacciono queste atmosfere, in Batman Vampire le troverai di sicuro

I videogiochi più belli a cui ho giocato finora!

Ciaone a tutti! Tornato finalmente da un campeggio in Val Cajada, ho deciso di condividere con voi una lista che avevo compilato da tempo e che ho riscoperto rileggendo le mie annotazioni (perché sì: i miei post pur essendo sconclusionati hanno una base su cui poggiano!) e quindi ho voluto riportarla qui prima di dimenticarmene di nuovo. Qui troverai titoli abbastanza commerciali anche se alcuni pur essendo parte di franchise celebri non sono così conosciuti; in ogni caso, la maggior parte li puoi trovare nella mia categoria di post di genere.^^

one_piece_pirate_warriors_3_pc_nami5_by_danytatu-d98pato

  1. Pokémon Mistery Dungeon: Esporatori del Cielo: non so se ne ho mai parlato qui, ma questo è stato il mio primo gioco del franchise Pokémon e lo adoro. Ci gioco tuttora e ho una partita da almeno due anni -dev’essere la quarta partita ma sicuramente la più longeva- ed è perfetto per una partitina rilassante davanti a un film accattivante o noioso che sia.
  2. Pokémon Platino: primo videogioco del franchise, lo adoro e secondo me è il migliore, è l’apice davanti al quale poi è iniziato il declino della saga in favore di una nuova generazione e quindi di una semplificazione estrema dopo Bianco/Nero. Ora lo sto rigiocando, tra un mesetto o due vedrete il commento o di questo o di Smeraldo, ma finora Platino rimane il migliore della saga principale assieme a Giallo tra quelli che ho provato.
  • One Piece Pirate Warriors 3: lo sto platinando, ormai mi mancano poche monete e soprattutto solo dieci personaggi secondari da portare al livello massimo della ciurma!!! Mi piace giocarci, non è mai uguale a se stesso e ultimamente osservando meglio i dettagli dei corridoi e delle piazze i quali i nostri eroi combattono ho notato che i dettagli degli edifici sono molto accurati e verosimili! Secondo me, le animazioni sono fantastiche e gli eroi con le giuste abilità e il giusto livello non danno mai problemi con le proprie caratteristiche.
  • Batman Arkham City: altro franchise di cui sono fan (questa volta solo superficiale) mi piace giocarci e su steam è uno dei due videogiochi con più ore di gioco. La trama è molto bella, offre ancora molti combattimenti finita la trama originale e la possibilità di giocare una snodata Gatta è fenomenale. Armi migliori di Batman? La mina gelante per fare le sorprese e il tiser in lontananza.
  • Harry Potter 5: vissuto al computer da piccino, ho ricordi favolosi e mi piacerebbe riprovarlo prima o poi. Un open world nei magici posti della saga, le magie erano tantissime e le dovevo creare io muovendo in determinate combinazioni il mouse anche se alla fine eseguivo sempre le stesse in battaglia perché la mia memoria è abbastanza limitata alla parte manuale. Mi ricordo che la trama era lunghissime e le missioni secondarie ancora di più, merita tantissimo.
  • Power Rangers: Super Legends: uno dei videogiochi che collego alle mie medie, è tuttora molto bello perché seppur le mosse usabili siano molto limitate, i nemici diventano sempre maggiori e più complicati per livello, così come gli ambienti e i segreti da scoprire (il secondo mondo devo ancora completarlo perché non riesco a trovare tutti i segreti in una sola partita xD). Se si è fan del franchise bisogna provarlo e farsi fregare dall’ottimo 3d che con le sue angolazioni vi farà saltare nel vuoto!
  • Spiderman: friend or foe: molto bello, altro videogioco per quando internet è troppo lontano o dispendioso da usare. Qui tutti i personaggi principali e non (Prouler non è famoso??) sono giocabili e le abilità del Ragnetto di quartiere sono molteplici, così come le combinazioni applicabili ad esse. Molto bello, sono molto belle anche le interazioni tra i vari personaggio secondari e il protagonista, mostrano veri e propri caratteri e aiutano a rendere i pg meno bidimensionali.
  • Ben e Ed: allora, mi sono ispirato per comprarlo guardando vari youtuber; solo che non pensavo che provandolo sarei stato io quello che porconava a ogni morte. Inutile dire che mi sono bloccato al primo livello della seconda facciata del menu di essi. Bello è bello ma dovete avere molta pazienza e abilità perché è leggermente impreciso; ciononostante, l’esperienza è bella e i primi livelli sono molto belli.
  • Pokémon Giallo: ci ho messo un casino di tempo a finirlo al PC, ma alla fine ce l’ho fatta. E’ molto difficile, estremamente strategico, non puoi permetterti di scegliere la squadra sbagliata e comunque le mosse devono essere quelle giuste o morirai nel tentativo di livellare la squadra. Molto bello, solo che era difficile!
  • Piante vs Zombie: finalmente concluso dopo alcuni anni di possesso e di partite mai finalizzate al completamento, è rilassante e si basa sulla strategia del giocatore di piazzare le piante giuste contro gli zombi giusti. Secondo me i livelli più difficili sono quelli con la nebbia, ma comunque tutto è fattibile e lo consiglio perché giocarlo col mouse è molto rilassante.

Ecco, questa è la mia lista. Ci ho messo molti mesi a compilarla ma alla fine è pronta; tu quali videogiochi conoscevi? E soprattutto, non conoscevi qualcuno di quelli proposti? Ciaone, alla prossima!

Immagine pkmn natalizia006

Aquaman: una cafonata divertente

Aquaman-Poster.jpg

Questo film per me è una gran cafonata ma è anche estremamente divertente per me e sicuramente sarà uno dei pochissimi film supereroistici di cui comprerò il dvd perché esce dagli schemi del genere, sa offrire qualcosa di diverso dal solito bellone o tettona che tirano cazzotti mostrando il fisico: come Batman di Nolan mostrava una trilogia incentrata sulla morale di una città, il film di Watchmen la cruda realtà di un mondo decadente che cerca di non sembrare tale, questo film è un percorso di miglioramento in un’avventura che glorifica la diversità personale e cerca di combattere la xenofobia.
I temi che ho notato in questa bella fiaba (perché ha la struttura della fiaba con l’eroe e la sua principessa che viaggiano per trovare un oggetto e dopo la prova finale vivono felici e contenti) sono la già citata xenofobia, l’ecologia che è la causa della dichiarazione di guerra di re Orm, l’eroismo e la vendetta. Inoltre, come fonti d’ispirazione ho visto franchise molto famosi come Harry Potter, Star Wars, Avatar e Tomb Raider, con una citazione di Pinocchio. Insomma, un film molto pop!
I protagonisti sono caratterizzati attraverso flashback e piccoli dettagli dei loro dialoghi: infatti, sono persone forti ma ignoranti del mondo opposto al loro, impulsivi e pieni di battute comiche come quella di Mera alla cittadina italiana, che fraintende spesso le nostre usanze. Aquaman non ha l’eleganza di supereroi come Thor o Superman, è un barbuto ubriacone, fa mosse di combattimento trash e telefonate ed è veramente troppo impulsivo; tuttavia, non si può non amarlo, è veramente innocente e simpatico e si sminuisce spesso, è molto attaccato a suo padre e cerca solo di trovare un posto in uno dei due mondi a cui non appartiene. Mera invece è la parte erotica del film, spesso bagnata e indossa sempre vestiti attillati o provocanti; ma è mostrata estremamente potente, lo salva varie volte come con lo tsunami o nella battaglia finale ed è epico alla fine del suo inseguimento come fa esplodere le bottiglie di vino! xD
La trama è molto semplice e lineare, il mondo che mostra è fatto bene e i quattro regni sono abbastanza caratterizzati; mi sono piaciuti i colori che servivano quasi a caratterizzare ogni popolazione e ogni personaggio anche se certe sequenze in CGI potevano essere fatte meglio. La scena dell’arena è molto bella e ho adorato scoppiando a ridere la reazione della folla; anche l’inseguimento nella cittadina italiana è intrigante, ma avrei evitato di usare Mantra all’interno del film: era inutile, bastavano le truppe di re Orm; la scena del tridente celebra proprio la diversità del protagonista anche se logicamente non mi è sembrata appropriata perché se il posto è inaccessibile ha troppi scheletri di persone che lo hanno raggiunto; e la battaglia finale la dividerei in due parti: prima dell’arrivo di Aquaman è noioso mentre poi quando arriva a cavallo di questa bestia lovercraftiana usa tutta la natura in un epico effetto stile Avatar nella lotta finale. Alla fine è un bel film, avrei solo tolto Mantra e migliorato i Trench: li ho trovati inquietanti, quando appaiono all’improvviso mi sono ricordato che il regista proviene dall’horror perché ho letteralmente saltato sulla poltroncina e quando i protagonisti nuotano nelle loro acque la scena mi sembrava veramente claustrofobica!

Ecco, Aquaman è un bellissimo film molto divertente. Sinceramente, temevo mi avrebbe ricordato Percy Jackson ma non è successo, anche se secondo me come usanze prende tanto dalle civiltà classiche.^^

~ Tratto da: https://ilblogditony.blogfree.net/?t=6013106

tenor

La trilogia del Cavaliere Oscuro

Buongiorno^^

Oggi voglio parlare della trilogia di Nolan che mi ha appassionato tanto e che ho recentemente acquistato come cofanetto! Ecco le mie impressioni da latente fan del microuniverso di Gotham conosciuta grazie ai film più famosi, alla serie videoludica di Arkham e qualche sporadico fumetto oltre ovviamente da piccoli ai cartoni!

Impressioni generali:

Ciò che apprezzo di questa saga e che la contraddistingue da quella uccisa da George Clooney (di cui adoravo il film da piccolissimo grazie a tuuuutti quei colori) è la verosimiglianza dell’universo creato. Verosimiglianza che sfocia in una fantascienza sempre realistica, molto tecnologica e incredibilmente organizzata dal punto di vista dei personaggi. Qui Batman è un uomo potente che durante la sua vita ha subito profondi traumi e che durante la trilogia cresce moralmente venendo spesso posto davanti a scelte morali che lui deve fronteggiare come uomo prima di eroe: è giusto lasciare vivere un pluriomicida? E’ giusto salvare una città così corrotta che la mafia controlla la polizia e devi scappare per salvarla? La risposta è sì, perché l’altra caratteristica che ho notato è un forte messaggio di speranza anche se questo mondo crea sempre nuovi mostri!

Batman Begins:

Primo film della trilogia, narra le origini del Cavaliere Oscuro e di come egli scelga di diventare l’uomo pipistrello attraverso un percorso di addestramento presso la Setta delle Ombre e un miglioramento personale e morale fino al pensiero: la mia paura diventerà la paura dei criminali delle città quando penseranno di attaccare le persone innocenti, perché sapranno che qualcuno li fermerà, qualcuno di inarrestabile, un’ombra della notte. Film all’inizio lento, presenta tutti i personaggi e i nemici che governano l’intera saga, lo vediamo addentrarsi con noi in una casa che non gli appartiene più e creare la propria leggenda. I momenti più belli come Batman? La sua prima caccia al porto e il salvataggio di Rachel mediante la marea di pipistrelli!

The dark knight:

Un grande mostro, un grande fenomeno, può generarne un altro? E sarà capace di gestire la propria potenza? Su questo problema si basa il secondo film della trilogia: sul potere della giustizia e dei suoi volti e della sua antitesi, cioé il Caos, il volere spingere gli uomini non a seguire la Dike ma la Nemesis, la vendetta o giustizia privata che sia secondo valori non moralmente oggettivi ma soggettivi. La vera star di questo capitolo è il Joker, un essere quasi pirandelliano dai mille volti, che racconta una storia diversa su di sé per ciascuno che incontra; lui non ha uno scopo preciso, lui non ha grandi finanze o un grande esercito. Essendo l’antitesi di tutto quello per cui Batman lotta lo vedo come un cane rabbioso che attacca perché impazzito, ma attaccando con lucidità, per trasmettere la propria rabbia e infettare quanta più gente possibile per arrivare al Capobranco (Duefacce). I momenti più patetici? La morte di Rachel e quei maledetti traghetti! 

The dark knight rises:

Ultimo capitolo della trilogia, è un perfetto finale perché tutti i nemici, tutti i personaggi incontrati durante la saga, tutte le esperienze e i dolori di Batman, tutti i nodi vengono al pettine in questa emozionante fine di un mondo triste e corrotto verso un futuro migliore grazie agli sforzi dei giusti. Una vera e propria guerra è trasposte qui, una guerra che avrebbe dovuto abbattere le caste sociali che suppongo vivano nelle grandi città ma che alla fine inghiotte tutti e quindi si trasforma nella speranza di una morte di massa purificatrice, morte che ovviamente Batman deve evitare. Secondo me il Pozzo di Lazzaro proposto è una metafora per tutto l’impegno che il Cavaliere Oscuro ha immesso nelle sue imprese e che alla fine con il dolore di un salvatore si accavalla per sfuggire alla condanna di una morte atroce e agonizzante, una morte in prigione lontano dalle persone amate e dai legami, che a Gotham erano stati spazzati via dalla paura. Poi mi è piaciuta molto la Gatta perché non è un personaggio eroico in senso stretto, è una persona con grandi capacità che cerca solo di sopravvivere ma alla fine nel suo piccolo è colei che salva tutti utilizzando le proprie abilità di sopravvivenza. Un bel film nuovamente sulla giustizia in tutte le sue sfaccettature  e sulla speranza di un rinnovo.

 

Well. Questa è la trilogia del Cavaliere oscuro dal mio punto di vista. Se volete cercando nella sezione Batman O Film potete trovare un lungo commento del terzo capitolo proposto un annetto fa e sul mio altro blog ho i commenti dettagliati dal mio scarso punto di vista dei tre capitoli presi singolarmente . Grazie per la visita e ciaone!^^

Ecco le mie schede su Blogfree in cui parlo nel dettaglio: Batman Begins The Dark Knight The Dark Knight Rises

il-cavaliere-oscuro-poster-della-trilogia-maxw-1280.jpg
Bellissima miscela dei poster, non mia purtroppo 😦

I 5 Boss più difficili di Batman Arkham

Batman Arkham è una saga videoludica che vede come protagonista Batman impegnato in ogni capitolo a fermare gli intrighi dei Supercriminali. Premesso che ho potuto giocare solo ai primi tre videogiochi e che Knight non è mai partito dopo averlo comprato e scaricato, ecco la mia lista dei boss più difficili o inquietanti da affrontare nella trilogia.^^

  1. Killer Croc, Asylum: inquietante, può attaccare da qualunque parte e la musica a palla ad ogni sua apparizione non aiuta. Ogni volta è traumatico e la corsa finale non aiuta, con una visuale che nasconde tutto!
  2. Doctor Freeze, City: una caccia all’uomo in cui non siamo noi i predatori. Nella modalità difficile o Più oltre che ansiogeno è praticamente impossibile: non solo se ci vede ci uccide all’istante ma anche tutti i ko silenziosi che proviamo devono andare a segno! :O
  3. Ra’s al Ghul, City: non fa paura ovviamente, beh, il suo piano sì ma lo scontro è solo una normale boss fight con una leggera rotazione della visuale e decine di lame magiche che ci vengono scagliate contro. Leggermente complicato.
  4. Bane, Origins: oltre al fatto che è uno dei boss più frequenti della trilogia, nel manicomio c’è la lotta finale in cui il gatto gioca col topo (volante); difficile, ansiogeno senza la vista detective, carica appena ci vede!
  5. Deadshot, Origins: uno dei boss addizionali non fondamentali per il proseguo della trama, secondo me è il più difficile, soprattutto nelle storie Più perché è una normale modalità Predatore ma con ostaggi e l’occhio che tutto vede!

Questa è la mia top 5, se avete giocato a Knight o ne avete altri, sentitevi liberi di scrivere^^

killer-croc-king.jpg

I migliori di Ottobre

Ciaone a tutti e buon inizio Novembre a tutti!

Nonostante la pioggia oggi credo farò il giro dei cimiteri per salutare tutti e quattro i nonni, poi tornerò a casa dove mi deprimerò non capendo nulla del mio studio per poi accogliere il parentame in casa e passare qualche ora con tutta la famiglia al completo, più o meno.

Comunque, anche oggi pubblico la mia lista dei cinque film che ho apprezzato maggiormente; bisogna ricordarsi che consiglio solo quelli visti integralmente.

  1. Il diavolo veste Prada: grande ritorno per cui non spenderò troppe parole avendone già parlato. L’ho inserito perché finalmente ho potuto apprezzare a pieno la recitazione degli attori avendolo guardato in madrelingua; devo dire che Meril è ancora più divina e che l’italiano ha perso molti guizzi di lingua (come Dolce&Gabbana xD).
  2. Big Wedding: di questo film ricordo che mi ha fatto ridere il twist finale in cui dimostravano che tutte quelle persone avevano un fattore in comune che seppur molto profondo e nascosto viene a galla alla fine. Bella commedia corale con cast stellare con un paio di gag e scene divertenti. Ecco, non è all’altezza degli Oscar ma a quanto pare dei Razzie Awards sì.
  3. Freedom Writers: biografia interpretata da Hilary Swank che mi ha sconvolto. Calda di sentimenti, diretta e riflessiva, mi ha veramente colpito per come tratta l’argomento mediante giochi atti a coinvolgere tutti, letture che rivelano la vita e quei terribili quaderni di verità. Ne parlerò prossimamente meglio, sicuro.
  4. Shrek, e vissero felici e contenti: dopo il primo è sicuramente il migliore, ho adorato la seconda parte. Il gatto con gli stivali è ilare, la maledizione di Fiona e il modo in cui ne viene liberata sono trattati in modo simmetricamente opposto, l’ultima scene nel mondo parallelo mi ha quasi fatto piangere…
  5. Batman Ninja: ne ho parlato sul mio blog di Blogfree; letto il titolo avevo pensato non so perché alla trashata divertente ma in verità è un film animato veramente epico in cui abilità ninja e magia fanno letteralmente a cazzotti con la tecnologia moderna nel Giappone Medievale. Bello, qui il  crociato incappucciato assume la collettività dimostrando che insieme nella positività si supera qualsiasi avversità, l’ultima scena di combattimento è EPICA!

Questa è la mia lista di film; li conoscete?

batman gih.gif

La mia top 5 di Settembre

Ciao a tutti!

tumblr_nip8ntL0xP1rann0eo1_500.gif

Prima di tutto vorrei ringraziare tutti perché il mese appena trascorso ha un record relativo: è il mio mese più visualizzato del 2018! Quindi, ringrazio chi legge e ringrazio anche i motori di ricerca mondiali che chissà una volta mi porteranno veramente la lettura da parte di uno straniero.^^

Comunque, come al solito ecco la mia lista di cinque film che guardati in Settembre mi hanno colpito per una bella trama o momenti toccanti o semplicemente per attori che apprezzo. Ovviamente, molte volte il mio consiglio è l’opposto della qualità. xD

The Age of Adaline: questo film mi ha colpito per il topos esistenziale che pregna la pellicola e per il cast azzeccatissimo. Triste e intenso, regala forti emozioni in un film che diventa dramma man mano che comprendiamo la posizione della protagonista.

Suicide Squad: un film sui supercattivi odiato dai più ma amato da me. Fin dai titoli colorati con colori sgargianti veniamo catapultati in un posto dove le vittime della società (una pazza, un cecchino, un malato e un pentito) sono portati a combattere contro una dea che non possiamo comprendere. Bello e secondo me per quel poco che conosco fedele ai personaggi.

Love and Other Drugs: film con Anne Hathaway e Jake Gyllenhaal. Parla di lui venditore di farmaci che fa fortuna con il viagra agli inizi della sua commercializzazione e del suo rapporto con il personaggio interpretato da Anne, una malata di Parkinson. Il film narra del loro difficile rapporto che nasce da sesso ma che si approfondisce man mano che si conoscono. Apprezzo che in questo film chi pratica sesso occasionale non debba ravvedersi per trovare la felicità.

The Devil Wears Prada: non conosco la moda e quindi mi perdo occasionalmente tutti i riferimenti, ma questo film colorato, pieno di ironia e vestiti mi accompagna fin da bambino. Meril è fantastica e le altre due. Anne e Emily, degne comprimarie.

Glory: film di guerra ed epico sulla guerra di secessione combattuta da uno squadrone nordista formato unicamente da neri. Consigliato per trattare di razzismo, storia americana e valori romantici andati in fumo, anche se l’ultima battaglia l’avrei tolta per anticipare la frase finale.

Questa è la mia lista, spero apprezziate e grazie ancora.

tenor

DC Legends

DC Legends è un’app per dispositivi iOS sviluppata da Sviluppato da WB Games San Francisco ed è completamente gratuita a meno tu non voglia acquistare potenziamenti di cui si può fare benissimo a meno.

photo_2018-09-19_14-35-44.jpg

Questo giochetto è per i fan della DC Comics e non, un picchiaduro dove noi collezioniamo i più grandi eroi e criminali di quell’universo per farli scontrare in squadre contro altri giocatori mondiali oppure sfide organizzate dal gioco (campagne o potenziamenti). Io l’ho scoperto un annetto fa e devo dire che imprecazioni a parte è proprio un bel passatempo: ogni giorno c’è un premio e nulla impedisce di procedere lentamente gratis perché tutto ciò che usi per lottare un giorno il domani lo rivedi rigenerato!

bat app2

Gli eroi hanno caratteristiche fisiche che sommate danno il potere; tutti i combattenti hanno abilità attive e passive potenziabili e accessori da migliorare grazie a strumenti ottenibili dopo lotte di campagna o potenziamento; il rango è visibile dal numero di stelle e si supera collezionando le loro immgini e riempiendo l’ultima strisciolina azzurrina/grigia. Essendo divisi in tre categorie (mistici, fisici ed energia) l’una efficace su un’altra e potenziandosi in modo diverso le squadre non saranno mai uguali alle altre questo è veramente bello perché le strategie cambiano continuamente!

bat app1.jpg

La partita non si cristallizza mai perché si può giocare la campagna sperando in buone ricompense, oppure prendere energia dal raccoglitore o sfidare altri giocatori nell’arena; in più ci sono le missioni da svolgere per ottenere fantastici premi atti a migliorare l’esperienza di gioco o le sfide potenziamento, sempre feconde. La fregatura più grande è il void: una lotteria in cui pur prendendo sempre qualcosa di utile viene sempre fregato!

Bello bello bello! Lo conoscete? A me piace ed è un buon riempitivo di alcuni momenti di noia fuori casa! xD

screenshot_2016-09-07-21-17-33

Batman: Arkham Origins

Batman: Arkham Origins è un videogioco sviluppato da Warner Bros. Games Montréal basato sul supereroe dei fumetti della DC Comics Batman; si tratta del prequel della trilogia principale della saga videoludica di Batman: Arkham.

batman-arkham-origins-logo-i15738.jpg

Boss:
Killer Croc: il primo boss del gioco, è molto facile da battere perché basta capire la tattica anche se alla fine credo sia là che il prologo finisce: la lotta contro l’uomo mutato insegna come sconfiggere i nemici più resistenti con il pestaggio e finita la prova si viene a sapere degli assassini e si è pronti a viaggiare per la città.
Electrocutioner: non se veramente sia da considerare un boss perché è veramente semplice ma ci lascia anche d’altra parte un’arma tra le più importanti!
Deathstroke: secondo me è uno dei boss più difficili e nella modalità Storia+ praticamente impossibile da battere per la precisione assoluta che bisogna mantenere per parare i suoi colpi; boss importante, ci lascia un’altra arma molto versatile nelle Cacce da predatore invisibile e per gli spostamenti. Cosa interessante è che mi ha ricordato lo scontro con Ra’s Al Ghul di Batman Arkham City per la sequenza che di colpi che si attiva dopo un tot di energia persa.
Copperhead: assassina contorsionista e avvelenatrice, dovremo affrontarla nell’acciaieria Sionis. Facile, è importante per la trama ed è divertente da affrontare grazie alle continue contorsioni. Inoltre, i momenti di allucinazioni ricordano la malattia di Arkham City, anche se siamo inseguiti da un’ombra inquietante in questo capitolo.
Bane: prima volta che affrontiamo Bane. Per affrontarlo basta stordirlo tre volte, picchiarlo e prepararsi a scansarlo all’ultimo minuto più volte a sequenza, per non essere travolti. Più che per la battaglia, è importante per un evento parallelo al prossimo boss, che motiverà maggiormente Batman nella sua crociata.
Firefly: uno degli assassini incaricati di uccidere Batman e piromane folle, decide di prendere in ostaggio un intero ponte per assicurarsi le attenzioni del supereroe emergente. Quindi, una lunga battaglia contro gli scagnozzi è assicurata grazie a bombe nascoste in quattro punti, stanze in cui darsi alla caccia più sfrenata e reti elettrificate per velocizzare il pestaggio: di certo, non annoia. Inoltre, Firegly con il suo fuoco pur essendo facilissimo è molto intrigante e la devastazione di un posto tanto di passaggio in quel gioco è a dir poco sconcertante!
Bane: se la mente del crimine è Joker, Bane è sicuramente il male che più si è diffuso nella trama e nelle vicende private di Batman. Affrontabile a Blackgate per salvare il commissario Gordon dalla sedia elettrica, è qui che il vero Crociato di Gotham dà il meglio di sé grazie a un importante dilemma morale. Dilemma che lo porterà dalla rissa simile alla precedente bossfight a una caccia dove preda e predatore non capiamo chi siano nei corridoi della prigione. Molto ansimevola (mio neologismo credo).

Commenti vari scritti durante il gameplay:
– in una cella della prima prigione c’è un omaggio all’Uomo Calendario;
-i video sono lunghi e interessanti, ma molti di loro non si possono saltare anche se si muore;
-lo jet è figo ma ogni volta si impianta xD;
-dopo la morte si carica troppo lentamente;
-il mondo del Cappelaio Matto mi ha ricordato quello dello Spaventapasseri di Batman Arkham Asylum;
-molte volte attacco i nemici e il gioco deve ancora caricarli???
-Bane è ipocrita: dice di combattere da uomo e poi si droga per essere più forte;
-se un colpo si avvicina ai nemici senza colpirli non si ritraggono come invece in Batman Arkham City.

Commento generale:
Questo capitolo è molto bello ma non eccelso quanto i predecessori. Dico ciò perché la trama è bella e lunga ma non ha portato novità, le lotte sono le stesse di Batman Arkham City, i boss sono tutti fisici e dopo la prima volta non impegnativi, le armi troppo selezionate e poi loro: i bug! I bug o come cavolo si chiamano sono estenuanti, ti obbligano a fare ciò che vuole tu faccia il gioco, fanno comparire i nemici in ritardo, certe volte devo rifare le lotte (anche quelle dei boss) perché si blocca o non mi fa interrogare i tizi; una situazione veramente disagiante soprattutto perché lo ho comprato anni dopo il rilascio per PC e sapevo che per PS aveva gli stessi problemi non curati. Comunque, un pregio del gioco è l’ambientazione bella e dettagliata, anche se secondo me hanno invecchiato troppo la città e ringiovanito troppo Gordon; peccato che i bug blocchino pure i colori trasformando i lampioni in luce gialla o i capelli del maggiordomo in rossi, gialli e bianchi in pochi istanti.

Commento finale:
Lo consiglio perché ovviamente è bello, ma non è perfetto: preferisco il capitolo precedente anche perché le sfide di Batman per sbloccare armi sono troppo impegnative e ciò è esemplare per tutto il gameplay.