10 baci plateali nei film

Buongiorno!

Oggi torniamo con una bella lista di film tutti accomunati da un unico particolare: un bacio finale plateale! Sì, uno di quei baci di fronte a mezzo mondo che piacciono così tanto ai nostri amici americani; non importa che siano commedie o storie romantiche, il bacio finale con tanto di coro di incitamento non manca mai!

Ecco 10 baci plateali nei film:

§ Appuntamento con l’amore

§ Mai stata baciata

§ Ricatto d’amore

§ Una pallottola spuntata

§ L’insegnante

§ Il principe cerca moglie

§ Boygirl: problemi di sesso

§ I perfetti innamorati

§ Una telecamera per due

Questa è la mia lista. Come vedete tra questi titoli ce n’è perfino uno italiano, mentre tra quelli americani ci sono delle piccole perle come I perfetti innamorati e Ricatto d’amore;

E voi, quali conscevate? E ne conoscete altri? Ciao!

Film da guardare per l’aspetto visivo 2.0

Buongiorno, come va? Oggi ripropongo una lista che può essere considerata come l’estensione di una lista portata sul blog qualche mese fa! In questa lista ho scelto di portare film da apprezzare non solo per i costumi, non solo per le scenografie ma per un impatto visivo di elementi che insieme riescono a creare un’atmosfera veramente struggente e affascinante.

Ecco la lista!^^

1) Valerian e la città dei mille pianeti. Film dalla trama alla fine abbastanza scontata con l’ennesima figura femminile che serve solo a fare la donzella in pericolo vanta una costruzione del mondo e la visione di scenari veramente da togliere il fiato; presupponendo che sia tutto CGI è un lavoro veramente affascinante e capace di sublimare la mancanza di una bella scrittura (ho adorato anche i costumi di Cara Delevingne).

2) Miss Detective. Ne avete sentito parlare spesso qui da me ma a me piace proprio! Tutte quelle esibizioni, quei look curati, la magia del dietro le quinte a ricordarci che tutti i VIP che sembrano irraggiungibili in verità sono truccati e istruiti al dettaglio! Colorato e divertente, c’è proprio una transizione tra i freddi e monotoni ambienti del FBI in contrasto con i frizzanti e allegri palchi di Miss America. Molto bello.

3) Gli uomini preferiscono le bionde. Devo parlare veramente? Anche solo la celebre scena che con Marylin nel suo vestito rosa parla da sola per come è stata citata da centinaia di artisti e come sia entrata nell’immaginario collettivo! Costumi stupendi, brillanti costosissimi e due dive che letteralmente consumano le scene in cui recitano.

4) 1997-Fuga da New York. Un mondo oscuro, quasi post-apocalittico e dai toni scuri, una città prigione in cui la violenza e la pazzia divorano le persone deboli sia da dentro sia da fuori le mura. Stupende le auto simili a carri corazzati o le strade disseminate di mine, questa è la costruzione di un mondo corrotto mostrando veramente poco ma con grandi risultati!

5) Grosso guaio a Chinatown. Di nuovo un capolavoro di Carpenter, di nuovo un film scelto per la costruzione di un mondo che trascende la fotografia o la bellezza dei costumi o la ricchezza degli ambienti: da una parte c’è la metropoli, dall’altra sotto di essa si estendono cunicoli oscuri e tenebrosi ricchi di magia e mostri. Grandi arti marziali contro armi da fuoco, placebo contro il volere di un dio e tanta immaginazione creano sequenze veramente uniche e facilmente imprimibili nella memoria.

6) Jane Eyre. Premesso che adoro i film gotici, mi è sempre piaciuto guardare l’adattamento del celebre romanzo (che è in lista di lettura) per la grandiosità della simbologia verticale del palazzo in cui la maggior parte degli eventi prende luogo. Inoltre, molte volte i palazzi sono decorati con preziosi arazzi, quadri d’altri tempi e tutta una serie di decorazioni che con i toni scuri e i giochi di ombre risaltano molto; aggiungiamo poi uno stile di costumi casto e intimo e il fascino verso questi film si spiega da solo: è più terribile il rumore proveniente da dietro la porta chiusa o l’amore che non dovrebbe esistere?

7) Colossal. Interessante pellicola che rende la vita di tutti i giorni straordinaria con un semplice concetto di fantascienza: in determinate circostanze anche la persona più comune può diventare un gigante e avere delle responsabilità. Notevole il CGI e molto bello il percorso della protagonista, mi è piaciuta molto l’idea del parco che crea proiezioni dei personaggi in giro per il mondo. Lo conoscete?

8) Aenne Burda. Grande miniserie su una grande donna creatrice di uno dei giornali di moda più importanti in Germania che non ha combattuto solo per salvare il suo matrimonio ma anche per realizzarsi quando come moglie era percepita come scontata. Bellissimi i vestiti, a differenza di molti film questa miniserie con semplicità nella narrazione mostra la creazione di abiti, come venivano eseguiti gli abiti nel primo dopo-guerra post WWII. La prima parte della miniserie mostra la moda, la seconda porta la protagonista a cercare la felicità in Italia e quindi ci sono colori più caldi e bellissime panoramiche che mostrano le nostre bellezze.

9) Rango. Rango è un film d’animazione stile western con animali parlanti e formanti una propria società, per cui a molti il genere potrebbe non piacere. Io lo guardai perché ne avevo sentito parlare benissimo e infatti rimasi molto sorpreso dalla fluidità dei movimenti, dai dettagli e dallo stile di una fiaba narrata con stilemi di altri generi. I colori sono bellissimi e l’intero impianto visivo è stupefacente. Il tutto, inoltre, vanta una trasposizione dal nostro mondo e dalle nostre problematiche molto furba: infatti, per puro esempio la mancanza di soldi che spingeva i contadini a vendere è traslitterata nella mancanza di acqua per dissetarsi e arare i campi.

10) Hot Fuzz. Film dal montaggio velocissimo e da inquadrature dal numero esagitato e dalla durata media di meno di cinque secondi, guardarlo all’inizio non è facile perché bisogna abituarsi al ritmo costituito da innumerevoli particolari, primi piani, mezzi busti e campi medi; a livello visivo è molto difficile tenere il passo ma confermo che l’esperienza quando ci si abitua è veramente adrenalinica! Poi la trama è ricca di colpi di scena rendendo il film un piccolo gioiellino!

Ecco, ho finito. So che non sono propriamente film da guardare solo per l’aspetto visivo ma sono film che ho apprezzato nel loro insieme sia per il mondo che riescono a creare o per la moda che mostrano. Voi avreste aggiunto o tolto titoli? Quali sono i film che a livello visivo nel loro insieme creano mondi simili ma distanti da noi?

Cosa consiglio: 5 film

Buongiorno! Oggi torno con una mia tradizione che ormai procede florida mese dopo mese: la lista dei 5 migliori film guardati nel mese di Settembre! Finalmente il numero dei titoli candidati alla loro condivisione in questa lista erano ben 13, ma ovviamente ne ho scelti 5. Buona lettura.^^

Il Diavolo veste Prada. Dopotutto, dopo questo articolo era ovvio trovarlo qui, no?? Sennò come facevo a scriverlo! Come potrei non amarlo? Tutta quella moda, la strepitosa Meryl Streep e una fiaba che per uno che cerca lavoro dà molta speranza!

Il buongiorno del mattino. Questo bellissimo film parla di una ragazza che si ritrova a essere la produttrice esecutiva (così finalmente so cos’è sul pratico un produttore esecutivo) di una programma televisivo morente e lei dovrà fare di tutto per salvarlo. Che dire? Rachel McAdams è bravissima, veramente espressiva e spontanea, la trama seppur lineare ha interessanti narrazione dentro e dietro vari schermi nella pellicola e i personaggi sono caratterizzati facendo spiccare non solo Rachel McAdams ma anche Diane Keaton e Harrison Ford.

Knives Out. Già discusso ampiamente di questa perla moderna del genere giallo qui, appena acquistato l’ho fatto conoscere ai miei genitori e me lo sono finalmente riguardato! Ciò che mi piace di questa narrazione è che è formata da una serie di piccole matriosche che insieme formano una statua molto più grande di quanto lo spettatore possa immaginare, grazie anche a numerosi colpi di scena e scoperte sconvolgenti! Molto bello, notevole anche il simbolismo della tazza e del coltello a fine film.

Se solo fosse vero. Secondo me il film rappresenta una delle più belle e classiche commedie romantiche nel panorama moderno, e anche una delle più riuscite: da Ghost prende l’idea dell’amante come spirito ma si discosta dal cult perché il fantasma è tale non perché è morto ma perché è in coma! Una trama quindi semplice ma che lascia risplendere la voglia di vivere dei personaggi, facendo in modo che entrambi alla fine tornino a vivere.

American Gigolò. Colonna sonora assurda, l’interpretazione di Richard Gere è affascinante; ma sono il solo che ha notato inquadrature spesso storte? Girate a mano e non con un supporto? Comunque, nascondere la storia d’amore dentro a un thriller è stata una mossa vincente: è originale perché la storia d’amore si sviluppa senza essere apparentemente il tema centrale discostandosi dal genere puro. Inoltre ho apprezzato che l’amore e il sesso sia stato mostrato in tutte le sue forme, combinato al fatto che per una volta è il corpo maschile a essere mostrato, oggettivato, desiderato anche con un nudo integrale; quante volte si vede nelle pellicole, mentre ormai l’opposto è la regola?

Ecco signori, questa è la mia lista! Vi piacciono i miei consigli? Cosa vi ha colpito dei film che avete guardato durante Settembre?

Secondo voi non mettevo questa perla pure in questa lista?

Game over, la tag dei videogiochi

Buongiorno!

Oggi propongo una tag per cui sono stato nominato da Conte Gracula! Mi fa molto piacere partecipare a questa iniziativa perché è una delle poche con questo tema che ho provato e le domande mi sembrano molto interessanti, soprattutto perché sono un gamer tranquillo che ogni tanto posta commenti ai videogiochi in questa sezione qui sul blog! Quindi, questa tag unisce la passione per il blogging con quella per i videogiochi!

Ma buongiorno carissimi

Ma bando alle ciance e iniziamo! Chissà se alcune domande porteranno alla luce i miei titoli preferiti!

Qual è stato il tuo primo approccio ai videogiochi? Mi sono approcciato ai videogiochi molto presto, già all’asilo. All’inizio è nato tutto come spettatore di mia sorella (Prince e Ken’s Labyrinth), di mio papà (Doom2) e di mia mamma (Flipper); appassionatomi a questi titoli, iniziai a provare il Flipper con l’aiuto di mia mamma per poi anni dopo approcciarmi a giochi più complessi come la saga per PC di Harry Potter, sempre con la supervisione di un genitore.

Qual è stata la tua prima console? E in seguito? Come si è potuto intuire dalla risposta precedente, la mia prima console è stata il computer, con cui ho avuto una lunga relazione intima fino alla prima media, anno in cui i miei genitori mi regalarono il mio inossidabile Nintendo DS; da allora mi spartisco tra Pc, Nintendo DS e Nintendo 3DS e telefono cellulare.

I titoli che più hanno definito la tua vita da videogamer? Sicuramente Harry Potter 2, la saga di Batman Arkham e il franchise dei Pokémon. Alcuni li ho anche portati sul blog.^^

Come ti schieri nella console war? Nintendo o Sega? PlayStation o Xbox? O guardi dall’alto verso il basso tutti questi e giochi con il PC? Allora… Premesso che i miei da piccolo non mi hanno mai comprato nulla e l’unico acquisto di console è stato un Nintendo a 11 anni pagato per metà anche da me, anche io tendo a spendere molto poco per giocare e quindi rispondo quello che costa meno o è più facile da reperire. Di mio preferirei il PC perché non avendo mai avuto una playstation in casa non ho molta confidenza con il joystick.

Il tuo livello preferito di un gioco? Che sia una boss fight, un livello o un ambientazione in particolare che ti è rimasta impressa. Non è propriamente un livello ma Borgo Tesoro di Pokémon Esploratori del Cielo è un piccolo gioiello di pace e negozi e penso che là ci vivrei molto bene!

Quel gioco che ti ha proprio deluso. Qua ho una risposta concisa: Lara Croft Tomb Raider: Anniversary di cui ho parlato qua. Il gioco in sé era molto bello anche se aveva degli enigmi che a volte non capivo ma l’adattamento dalla playstation al computer era venuto malissimo, costringendomi spesso a usare il joystick fallico (avete presente no? LOL) per gestire il tutto tra spostamenti abbinati a sparatorie di velocità, e avendo una bassa precisione nei movimenti (e ciò incideva sugli intricati salti dalle aste e tra le trappole ambientali). Una vera delusione, non riuscii nemmeno a completarlo…

Quale gioco ritieni sottovalutato e pensi meriterebbe più fama? Potrei citare un gioco di Spiderman ma decido di citare invece Dead By Daylight: è un titolo online multiplayer molto bello per il suo genere e offre anche delle ambientazioni molto variegate oltre a un’ampia gamma di personaggi e dinamiche da giocare. Lo consiglio vivamente.

Il genere che proprio non ti piace o non fa per te? Se avessi un computer decente (dico decente perché il mio portatile ha una Ram troppo scarsa, ditemelo nei commenti se si può cambiare) proverei a comprare i vecchi Doom perché mi è sempre piaciuta l’idea di riuscire a finirli ma i videogiochi horror mi fanno un’ansia tremenda, soprattutto perché mi spaventa l’idea di non sapere cosa ci sia oltre l’angolo. Per rendere l’idea, su Steam ho Resident Evil Remastered e con tre partite iniziate ho il massimo di gameplay di 3 ore…

Il titolo che hai rivalutato. Pokémon Ranger: Ombre su Almia. Mi ricordo che la prima volta che ci giocai lo odiai a morte: era difficile, non superavo un boss e lo s*anculavo ogni volta che lo prendevo in mano. Mesi dopo riprovai a battere il boss, ci riuscii e ora mi manca solo di vincere il torneo finale con quel terribile Gardevoir e completare le missioni personali! Bellissimo gioco, molto profondo e con una lunghissima storyline.

Quale gioco secondo te meriterebbe un remake? Mmm… Avrei risposto Pokémon Platino ma vedendo come hanno reso il povero Pokémon Squadra Rossa forse è meglio lasciarlo stare. Allora dico… Boh… Non mi viene in mente nulla al momento. Potrebbe essere Power Rangers: Super Legends ma credo di conoscerlo solo io!

Le mie nomine

Elena e Laura, sperando che riescano a sfatare il mito che le ragazze e i videogiochi sono due rette parallele!

Nick Shadow, sperando che nella sua vasta enciclopedia ci siano anche titoli videoludici!

Giovanni di Rosa, per farlo staccare dai libri.

Feliscia, sperando riesca a trovare il tempo!

Ecco, ho risposto a tutto! Partecipare a questa tag è stato molto bello, spero di aver nominato qualcuno che abbia voglia di continuare la catena e che abbia soprattutto almeno un passato da videogiocatore! Ciao!

Buon compleanno Stephen King!

Buongiorno, come ho scoperto da lidi più aggiornati dei miei, oggi è il compleanno di uno dei grandi scrittori del nostro tempo: Stephen King!

Quindi, per omaggiarlo e anche per portare un pelino d’acqua al mio mulino (ricordiamoci che non è l’unico a compiere gli anni oggi) ho deciso di pubblicare anche io un recap su tutti i post pubblicati su di lui finora; tutti con un piccolo commento che introduce ai post!

Cominciamo con…

I post su It:

It, il romanzo! Mi ricordo che impiegai mesi a leggerlo e a tratti ero pure infastidito dalle mille mila descrizioni di personaggi che morivano la pagina dopo! Ma è un grande libro.

It, la miniserie televisiva. Personalmente la preferisco ai due remake perché riesce a trasmettere una migliore dei personaggi e a creare l’orrore più sulla corruzione della cittadina e piccoli dettagli piuttosto che con mille jumpscares.

– It, il remake . Carino, secondo me con la tecnologia attuale avrebbero potuto puntare più sull’orrore che sul terrore con un clown che spunta urlando come un pazzo; sarebbe potuto essere meglio ma il lavoro lo porta a casa alla fine.

– It, il sequel del remake. Questo film invece è ingiustificabile, non è fedele al libro e rende il primo capitolo inutile: che serve aver mostrato le avventure dei ragazzi nel primo film se poi tornano a mostrarli in questo, con gli elementi da ricordare girati apposta qui??

– Il confronto tra It e Il colore venuto dallo spazio, in cui rifletto sulle similitudini che accomunano due celebri autori, l’uno ispirazione dell’altro.

I post su Pet Sematary:

Pet Sematary, il libro. Bellissimo libro sul lutto e la perdita; il tutto però all’epoca lo trovai leggermente morboso: infatti, la narrazione sembra soffermarsi in maniera crudele sul dolore della povera famiglia protagonista

Pet Sematary, le trasposizioni cinematografiche. Breve post in cui parlo delle due versioni; com’è facile intuire preferisco di gran lunga quella più vecchia, mentre il remake è brutto forte.

Pet Sematary, la prima trasposizione. Bellissimo film che mi ha colpito per come sono riusciti a mostrare l’ombra sinistra del cimitero vivente e di come siano facilmente riconoscibili gli esseri rianimati.

Inoltre, sul mio blog ho pure condiviso una bellissima recensione di The Shining mentre ho citato It innumerevoli volte nelle mie liste (troppe da riportare tutte). Pur avendo letto anche Carrie, il romanzo manca sul mio e mi dispiaccio enormemente di ciò; ma mi dispiacerà ancora di più se non mi farete gli auguri di buon compleanno.^^

Ciao, ci vediamo il 24! Secondo voi ho trattato Stephen King abbastanza sul mio piccolo blog o mi mancano titoli importanti?

Da che film è tratto questo bel gattone?

The Old Guard tag

Buongiorno, oggi propongo una tag a suo dire “originale”, che deriva da una tag veramente originale: quella creata da Alix! La sua proposta era una booktag pensata per omaggiare il film Netflix The Old Guard ma io, leggendo abbastanza ma non ricordando mai dettagli come autori, case editrici o personaggi particolari, non riuscivo a rispondere alle sue domande; scherzando, mi ha proposto di rifarne una mia versione e io ho accettato!

Quindi, ecco qui le stesse però commutate per qualunque mezzo mediatico (film, libri, videogiochi, canzoni e anche fumetti)!

Ecco le domande:

  1. Andy: un’opera con il personaggio principale cinico, senza grandi aspettative (bonus point se scegliete un classico!);
  2. Joe: un’opera con una svolta o una sotto-trama inaspettatamente romantica;
  3. Nicky: un’opera con un/una protagonista pronto/a a fare di tutto per proteggere la propria famiglia e le persone che ama;
  4. Nicky+Joe: l’opera LGBTQ+ più bello che avete mai avuto il piacere di scoprire;
  5. Booker: un’opera che parla di famiglia e di morte;
  6. Nile: un’opera di debutto non perfetta ma che rivela un grandissimo potenziale;
  7. Copley: un’opera con un personaggio che si batte per correggere i propri errori;
  8. Merrick: un’opera con un personaggio crudele eppure infantile;
  9. Quynh: un’opera con un personaggio che abbraccia il proprio lato oscuro;
  10. Lykon: un’opera di cui non si parla abbastanza;
  11. Temi: Family of Choice, un’opera con una ‘famiglia scelta’;
  12. Temi: un’opera sulla perdita;
  13. Temi: un’opera sull’immortalità;
  14. Temi: un’opera sulla solitudine;
  15. Temi: un’opera sulla giustizia;

E quindi, senza indugi, ecco qui le mie risposte:

  1. Come risposta mi viene in mente il protagonista di Canto di Natale, un vecchio scorbutico inaridito a cui tre fantasmi del Natale fanno visita per far breccia nel suo vecchio cuore cinico! Come media, dico una delle tante trasposizione dell’opera letteraria (anche se il cartone della Disney regna sovrano);
  2. Inaspettatamente? La vedo difficile… Potrei interpretare “romantica” come parte di quell’esaltazione delle emozioni e dei sentimenti, tipici della corrente artistica del romanticismo, con il bellissimo film Mother! interpretato dalla sempre splendida Jennifer Lawrence: un grande accumulo di angosce e paure, ansie e orrore fino al rogo purificatore di nuova vita.
  3. Come non citare The night Before? Secondo me lo conosco solo io ma è proprio carino e parla di un giovanissimo Keanu Reeves che viaggia un’intera notte per cercare nei sobborghi malfamati della sua città la sua ragazza per il ballo, venduta per sbaglio a un trafficante di persone!
  4. Beh, qui è sicuramente I segreti di Brokeback Mountain. Esistono titoli più iconici?
  5. Recentemente ho guardato il film d’animazione Tarzan e devo dire che le sue tematiche si sposano con quelle di questa domanda, quindi indico lui.
  6. Baby One More Time, di Britney Spears: infatti, pur non dimostrando enormi doti canore riesce a catapultarla nello star system e renderla un’icona degli anni novanta!
  7. Bad Teacher, con la bellissima Cameron Diaz. Parla di una professoressa pigra e incapace che ad ogni sua lezione mostra film ai suoi allievi; solo quando scopre di un concorso di conoscenza tra le varie classi (per cui c’è in palio un premio) si decide a insegnare qualcosa ai suoi allievi. Purtroppo, ormai non sono più abituati…
  8. I bambini vampirizzati nella saga di Twilight: bambini neonati che vogliono solo giocare e se affamati di sangue, poiché eterni bambini incapaci di raziocinio, capaci di sterminare intere città solo per dissetarsi e divertirsi.
  9. Star Wars, trilogia prequel, Anakin!! Una delle più grandi tragedie su schermo divise in tre parti lunghe e ricche di azione. E una delle morti più tristi (quella di Padme ovviamente).
  10. Risposta ovvia. Il libro della Giungla, ma quello vero e non l’aborto della Disney. Credo proprio che quel libro debba essere letto da molte più persone perché contiene le tematiche più importanti del colonialismo; ma ormai chi mi legge questo lo saprà a memoria, vero?
  11. Una famiglia scelta? Allora rispondo con le Prescelte, le Charmed-Ones! Ovviamente mi riferisco a Streghe, famosa serie televisiva di cui sono un fiero fan.
  12. My Heart Will Go On, di Celin Dion o I Will Always Love You, di Dolly Parton.
  13. La scorsa volta per immortalità avevo detto Predestination, ora cito Dracula di Bram Stoker, un bellissimo film su questo non morto e pure dannato che dopo secoli di solitudine per il suo cuore ritrova finalmente la reincarnazione della sua amata.
  14. Lasciami Entrare, un film sui vampiri veramente struggente che vidi anni fa alle due di notte e che ricordo ancora. Stupendo!
  15. V per Vendetta, l’opera adatta per riflettere su cosa sia giusto e cosa sia vendetta. Se non l’avete vista la consiglio, veramente bella.

Finalmente abbiamo finito, ma come al solito nomino qualcuno. Se qualcun altro vuole provare però è sempre ben accetto.^^

Nomine:

E con questo, sono soddisfatto. Ciaone!^^

10 Queer Movies 2.0

Buongiorno! Oggi, verso la fine di Agosto, torno con un proseguimento di una lista lanciata qualche mese fa: quella sulle pellicole contenenti personaggi queer decenti e non (troppo) stereotipati.

In questa lista 2.0 ho scelto grandi film, alcuni già citati nel mio piccolo blog mentre altri piacevoli ricordi che mi porto dalla mia adolescenza. Tutti indubbiamente film da vedere, sia per i drammi e le situazioni che portano, sia in altri casi per il sorriso che vi faranno comparire in volto.^^

Ecco, quindi, i miei dieci film di questa lista:

  • In & Out
  • Summer Storm
  • Bernard & Doris
  • Il mio amico Einstein
  • The imitation game
  • La casa degli spiriti
  • Parliamo delle mie donne
  • Miss Detective
  • A proposito di donne
  • Rimini Rimini

Questa è la mia lista di dieci film, di questi consiglio particolarmente i primi due anche se anche gli altri sono molto belli e particolari.+

In & Out parla di un uomo, un insegnante liceale di una provincia americana, che in procinto di sposarsi con la sua fidanzata storica subisce un tremendo outing in diretta televisiva da parte di un suo ex studente. Da quel momento non solo la sessualità del povero professore verrà messa in dubbio, ma subirà da coloro che definiva amici anche diverse contestazioni della sua virilità, mentre un aitante giornalista apertamente gay inizia a tormentarlo per una serie di interviste. Un film divertente, con una bravissima Joan Cusack e delle tematiche veramente espresse bene.

Summer Storm invece tratta dei primi passi nella sua vita sessuale di un giovane ragazzo che scopre le sue inclinazioni sessuali gay scoprendosi innamorato del suo migliore amico, mentre l’amico guarda invece le ragazze. Drammone estivo e adolescenziale ambientato in un campeggio in cui la squadra di canottaggio del protagonista vuole concentrarsi per allenarsi, una di quelle location perfette per un film di Venerdì 13, campeggio stranamente super affollato sia di ragazze che di ragazzi. All’epoca fu uno dei film più potenti che ebbi la fortuna di guardare, un film veramente bello.

Ecco, questo era il post. Come al solito, se avete altri titoli, potete condividerli nei commenti, mi fa sempre molto piacere. Ciaone a tutti!^^

download
Nella lista ci sono alcuni drammi, ma nessuno batte questo…

10 Video pop da guardare per l’aspetto visivo

katy perry nro

Buongiorno! Oggi torno con una lista all’insegna del pop, proponendo dieci video musicali di cantanti famosi che ho scelto perché secondo me visivamente sono pieni di dettagli, una vera visione per la dinamicità delle immagini o per gli abiti e le ambientazioni che mostrano. Buona visione!

10 Video pop da guardare per l’aspetto visivo

  • Sexy! No No No

In questo video le Girls Aloud si mostrano i lunghi abiti rossi che fluttuano nell’aria, dentro a quella che sembra una bambola woodoo. Di questo video adoro il loro trucco che valorizza lo sguardo e le rende molto innocenti; da notare la preponderanza del colore rosso e del bianco.

  • Radar

Radar è una canzone di Britney Spears che riguarda un amore dovuto al colpo di fulmine, una caccia tra lei e colui che lei vorrebbe fosse il suo amante. Il video parla di questo, di una ragazza ricca che lascia il magnate che la rendeva una donna trofeo in favore di un giovane bello e gentile. Interessante è il fatto che Britney una volta notato il tipo non fa altro che spiarlo con [inquadrature] particolari riguardanti le zone che lei trova sexy di lui; interessante è il fatto che questa oggettivazione del corpo maschile da parte di una donna nei media non accade mai, accade spesso il contrario!

  • What You Waiting For?

What You Waiting For? è una canzone di Gwen Stefani, una versione moderna e chic di Alice nel Paese delle Meraviglie, con Gwen sempre al fianco delle sue ballerine orientali. Questo video mostra un pazzo mondo, ricco di dettagli, costumi stravaganti e sopratutto tanta fantasia, in cui la cantante sui suoi tacchi vertiginosi si aggira con un ritmo di narrazione velocissimo!

  • Unconditionally

Avevo già parlato di questo videoclip in codesta classifica e in questo post, è uno dei picchi di eleganza dell’intera videografia della cantante, forse IL picco per eccellenza. La canzone parla della potenza dell’amore e il video lo mostra: amore genitoriale, amore eterosessuale, amore interrazziale, amore omosessuale, amore fraterno; e quanto è potente l’immagine della macchina distrutta?

  • I’m a Slave 4 U

Torniamo con Britney Spears, con uno dei suoi video che ha fatto più scalpore, almeno da quanto ho letto in giro. Come non notare i colori caldi, i corpi raggrumati, le danze seducenti e quel velo di sudore che rende il tutto bollente, torrido? Una visione che danza un lento con una musica trascinante, uno dei video hot più belli secondo me perché più che mostrare, come si fa adesso, stimola invece i sensi.

  • Can’t Speak French 

Altro ritorno dalla prima posizione della lista, qui le Girls Aloud propongono una deliziosa rappresentazione dei nobili di Francia e delle loro ballerine private. Se avete letto post come questo, saprete che per i film in costume vado in un brodo di giuggiole e l’eleganza di questo videoclip me lo ha fatto letteralmente amare! Inquadrature lente, loro che danzano, un trucco semplice ma d’effetto, loro cinque che entrano in stanza, i primi piani sull’ennesimo make-up favoloso. Da guardare assolutamente!

  • Bounce Back

Da grande fan delle Little Mix (ho anche un loro album), quando qualche mese fa uscì Bounce Back rimasi meravigliato dal tema del video: la doll house! In pratica, tutto è ambientato in stanze create ad hoc, con pareti coloratissime, piene di manichini e ampi spazi luminosi. Le Little Mix sono vestite come bambole, sono molto curate, si differenziano nei vestiti anche se sempre nello stile Barbie; anche se le sue scelte di moda sono state spesso criticate, qui la più bella è ovviamente Perrie.

  • Medicine 

Se la canzone non è propriamente stupenda o catchy come le precedenti, Jennifer Lopez accompagna il singolo con il tema del circo! Il bianco è preponderante, ogni singola superficie è chiara, tutti i vestiti sono ricchi di elementi chiari, luccicanti e ricchi di dettagli, si potrebbero passare ore ad osservare ogni singola minuzia. Bellissimo video, a livello visivo è spettacolare, tutto così simmetrico, così curato… Stupendo.

  • I Fell in Love with the Devil

Se mi avete letto, avrete capito che ho un debole per il gotico, i corsetti, il senso di magia e straniamento, le sensazioni iperbolizzate che il mistero può nascondere. Allora, Avril Lavigne ha fatto centro. Senza parlare di I Fell in Love with the Devil, che è una canzone matura, trascinante e quasi angelica, il video mi piace moltissimo perché mostra la cantante in vari vestiti di pizzo, con veli e ricami, in una bara bianca drappeggiata finemente o al pianoforte con un abito rosso di desiderio o incappucciata di nero tenendo in mano una pesante croce barocca; bellissimo anche il trucco, varia da intenso quando veste di rosso desiderio, al color carne della inquadrature in cui è incappucciata. I Fell in Love with the Devil è un’esperienza magica, capace di portare in mondi a noi sconosciuti.

  • Living for Love

Per chiudere la lista ho pensato a Madonna, una delle artiste più iconiche e magnetiche della nostra epoca: pur essendo una cantante ‘normale’ è riuscita a farsi conoscere da intere generazioni grazie alle mode che ha lanciato, alle sue azioni scandalistiche e d’avanguardia. Di suo ho scelto Living for Love, un brano molto potente, in cui canta un verso in cui mi rispecchio moltissimo: I can forgive, but I’ll never forget! Video bellissimo, anche qui domina il colore rosso, lei interpreta un torero che, come una donna in cerca dell’amore, si ritrova a domare dei tori che la caricano. Consigliatissimo.

Saluti

Ciao, grazie per essere rimasti fino alla fine. Se volete, ditemi se conoscevate queste canzoni, cosa ne pensate dei videoclip e se ne avete altri che secondo voi meritano. Ciao!

Katy-Perry-iheartradio-awards-2017-billboard-1548

Austindoveblog: come trovarlo

elena-dante-gabriele-rossetti

Buongiorno, ispirato da blogger che seguo come Sam Simon, Daniele Artioli e Giovanni Di Rosa ho deciso di condividere punti misteriosi del mio piccolo angolo di relax: le chiavi di ricerca con cui i visitatori, abituali od occasionali che siano, approdano in questi disorganizzati ma magnifici lidi.

Com’è nato Austindoveblog?

Molti lo conosceranno come L’angolo di Tony, altri come Il blog di Tony; altri non lo conoscono affatto. Devo dire che durante gli anni il blog ha subito diversi cambiamenti, dalla grafica al nome stesso, anche se comunque l’indirizzo è sempre rimasto lo stesso.

Austindoveblog è nato dal mio nick Austindove, quando ero un vero affezionato dei forum. Austin deriva dal nome di un mio personaggio che pur essendomi molto caro non ha mai visto la luce in un racconto effettivamente scritto e mostrato a qualcuno; Dove invece deriva dal mio trascorso negli scout, dalla traduzione di tortora (che in inglese è turtledove) di cui ho mantenuto solo Colomba.

Posso dire che è cresciuto rispetto agli inizi?

Rispetto ad altri blog il mio è molto ma molto piccolo ma posso dire che mi dà molte soddisfazioni: con sole 13 mila visualizzazioni in quattro anni abbondanti, sono partito dalla fine del primo anno che avevo solo 555 visualizzazioni! Inoltre, è un blog gratis, senza un tema preciso e diretto da una sola persona nel suo tempo libero senza alcun guadagno o progetti per il futuro;  per me sono grandi numeri.^^

Quali criteri di ricerca aiutano la gente a trovarmi?

Ecco, siamo arrivati al vero topic del post: vi rivelo quali sono i post più ricercati, i temi più cercati e le chiavi di ricerca (e le queries) più originali! Buona lettura.

La keyword più cercata secondo WordPress:

 Sicuramente la più cercata è il Bivacco Marsini, almeno secondo i criteri di ricerca su WordPress: l’ho usata molte volte per spiegare alla gente come arrivare al mio blog, anche perché quello è stato il mio primo post a essere indicizzato nelle ricerche di Google! All’epoca fu una grandissima emozione, ma anche ora è bello scoprire che post dimenticati tornano alla ribalta grazie alle ricerche di Google!

La keyword più cercata secondo Google Search Console:

Questa invece mostra quanto il mio post abbia avuto la fortuna di nascere al momento giusto e con gli ashtag giusti: infatti, esso vanta le 200 visualizzazioni superate in meno di un anno! Eh sì. Sto parlando del mio post sul Forum dei brutti, post al quale ho anche ricevuto un commento indignato da uno che ha difeso quel malato forum a spada tratta! Incredibile! Comunque, ringrazio ovviamente tutti gli avventori per approfondire l’argomento, di certo io non mi lamento.

Le parole di ricerca per After:

La mia recensione di After mi ha divertito non poco, sia per la scrittura del post sia per la lettura dei commenti di chi mi seguiva al tempo; inoltre, l’articolo è uno dei pochi che ha superato le 200 visualizzazioni riguardanti le recensioni di libri in senso stretto. Credo che questo successo sia dovuto ovviamente alla fama del libro, alle controversie che ha scatenato e ovviamente ai film che ha scatenato sulla Terra. Ovviamente, ecco qui le queries più divertenti:

  • il diario di after
  • after attori tessa e hardin ne parlano scene imbarazzanti
  • ancora non ci credo ehm a che cosa che sei mia, non ricominciare… io non ti merito after film
  • after book pagine hot
  • frase porno after
  • after blog
  • after libro scene hot
  • blog after
  • after libro parti hot
  • after capitoli hot
  • frasi hot del libro after

Da notare che la gente, nelle sue ricerche per trovare pagine riguardanti questo capolavoro, ne esalti il lato propriamente artistico.

Il rapporto con la cinematografia erotica e porno:

Un’altra grande sezione di queries riguardano la mia recensione di un libro molto interessante che avevo letto mesi fa: la mia Guida al cinema erotico e porno. Purtroppo per molti vogliosi, gli ashtag e il titolo del post sono stati malandrini e, testimoni le queries divertenti, molte persone cercando un buon porno con cui svagarsi hanno trovato il mio blog. Quindi, bando alle ciance, ecco le queries relative al genere erotico e porno che ho trovato legate al mio piccolo blog:

  • porno erotico
  • porno al cinema
  • erotico porno
  • porno guida

Ok, forse alcuni cercavano veramente una guida cinematografica; ma mi pare strano che le ricerche per questo argomento si siano impennate durante la quarantena!

La mitologia classica piace molto a Google:

Uno dei grandi argomenti del mio piccolo ma stupendo blog è la mitologia classica. Questo amore nei suoi confronti è nato fin da piccolo, quando iniziai a leggere un dizionario di mitologia classica e mi immaginavo le leggende che narrava per ogni singolo personaggio. Quindi, creato il blog, ho deciso di parlare anche di mitologia, sperando che il mio interesse si notasse e potesse aiutare altre persone ad approcciarsi ad essa come feci io molti anni fa. Comunque, noto con piacere che di questa tematica un post ha raggiunto le 200 visualizzazioni (quello su Elena di Troia) e che le ricerche di Google pian piano stanno raggiungendo tutti i miei piccoli approfondimenti!

  • l’eredità troia (credo sia una combinazione tra due titoli LOL)
  • elena la troia
  • santuario di delfi
  • idra simbolo
  • ciclo tebano
  • il santuario di delfi
  • il ciclo tebano
  • blog mitologia
  • alcesti
  • minotaur
  • ippolito incoronato
  • circe la mutò in mostro
  • elena di troya
  • elena moglie di menelao
  • elena (mitologia)
  • elena di troia
  • elena figlia di zeus
  • minotaur 2006
  • elena di troi
  • si nomina con scilla
  • elena din troia
  • elena rapita da
  • ciclo tebano sofocle
  • la figura di elena
  • santuario apollo delfi
  • guerra di troia elena
  • euripide ippolito incoronato
  • medusa
  • pitone custode zeus
  • mito del minotauro

Tutte queste queries mi riempiono di gioia; oltre al fatto che se non le elencavo non notavo che probabilmente questa sezione di post è quella ricercata con la più ampia variabilità di parole e l’estrema flessibilità di Google (tutte queste hanno prodotto un link al mio blog)!

Batman Arkham e Pokémon come saghe videoludiche sovrane delle mie ricerche di Google:

Grande appassionato di Videogame, ogni tanto posto un piccolo post riguardante una minirecensione o un approfondimento; vedo che normalmente questi post vengono ignorati dai miei followers di WP (non è possibile che questi articoli facciano massimo 20 visualizzazioni e le tag minimo 50) ma comunque sono apprezzati a livello nazionale e certe volte globale! Infatti, secondo me, nella grande era dei videomaker mancano guide semplici e visivamente veloci per giocatori che non hanno tempo da perdere; e qui entro in gioco io, con articoli come le squadre con cui ho superato le trame dei videogiochi Pokémon! Ovviamente, ecco qui le queries:

  • pokemon platino
  • squadra perfetta per pkmn ss
  • batman arkham origins difficile
  • pokémon soul silver squadra perfetta
  • poison ivy arkham
  • arkham city i boss piu difficili
  • pokemon soul silver squadra perfetta
  • la squadra perfetta per soulsilver
  • batman arkham boss difficili
  • arkham city i boss piu diffcili
  • pokemon giallo squadra
  • squadra pokemon soul silver
  • spiderman amici o nemici
  • squadra soul silver
  • batman arkham poison ivy
  • poison ivy batman
  • squadra ideale pokemon soul silver
  • pokemon soul silver squadra
  • pokemon soul silver squadra forte
  • come battere deathstroke batman arkham origins

Qualcuno ha bisogno di consigli per la squadra adatta a Pokémon Soul Silver?

Il mio rapporto con Il libro della Giungla:

Come ultimo grande argomento, ho scelto il Libro della Giungla. Di esso, ho letto in italiano i due grandi libri di Kipling, ho ascoltato l’adattamento scout e ho visto i film. Su Google è rimasto il mio approfondimento sulla figura di Kaa, il mio primo post a raggiungere e superare le 300 visualizzazioni! Giusto per concludere, ecco le queries riguardanti questo grande e ancora non ben discusso argomento:

  • kaa
  • il libro della giungla kaa femmina
  • che serpente è kaa
  • kaa libro della giungla
  • kaa disney
  • serpente kaa
  • il libro della giungla kaa
  • the jungle book
  • il serpente del libro della giungla
  • mowgli e kaa
  • kaa nel libro della giungla
  • libro della giungla kaa
  • serpente kaa libro della giungla
  • kaa e mowgli

Conclusioni

Cosa mi dicono queste classifiche, queste queries? Cosa rivelano le mie statistiche? Secondo me, affermano la mia totale incompetenza nel mondo del cinema: dove ho fatto i numeri più grandi, senza contare liste e tag che sono pensate per farsi notare, parlavo di letteratura. Diversi temi letterari, ma sempre riconducibili al mondo dei libri.

Per chi vuole cimentarsi, nomino:

E voi? Quali sono i vostri punti forti? In quali queries siete più cercati? Intanto, vi dico ciaone!^^

Immagine pkmn natalizia006

10 Pellicole che sfruttano il metacinema

Cos’è il metacinema?

Secondo il Treccani, il metacinema viene usato nei film che rompono lo stato di sospensione della realtà che lo spettatore mantiene per immedesimarsi in un film, evidentemente un’opera fittizia, mostrando a volte il dietro le quinte di un film, la produzione di una pellicola o al contrario con i personaggi della narrazione che, rompendo la quarta parete, si rivolgono direttamente a chi li osserva dall’altra parte dello schermo.

Al cinema, gli avvenimenti sembrano raccontarsi autonomamente tanto assomigliano al modo in cui si vedono nella quotidianità. Il cinema intrattiene una relazione analogica con il mondo reale e pare che riveli allo spettatore il suo senso più profondo. Almeno così è accaduto nel cinema classico, che ha voluto nascondere il più possibile l’artificio a tutto vantaggio della storia raccontata e dello spettatore che ha potuto percepirla ‒ e goderla ‒ come perfettamente naturale. Ci sono film, invece, che hanno rotto brutalmente l’incantesimo e alla fascinazione hanno sostituito il discorso con il pubblico. È il caso del cinema che parla di cinema: il metacinema.

Da cosa deriva la parola metacinema?

Il termine metacinema è una parola molto interessante e come molte delle parole interessanti deriva dal greco. Oltre all’ovvia parola cinema, che deriva dalla radice di κίνηση (movimento e quindi il movimento delle foto di cui una pellicola è composta), il metacinema è formato anche da μετά, che tra i vari significati ha sopratutto quello che significa tra e in mezzo.

Queste parole ci forniscono già di per sé una bellissima panoramica riguardo a questo argomento: infatti, il metacinema è un cinema in mezzo al cinema, è un cinema in mezzo a noi spettatori!

Esempi di film metacinematografici

Ora che sappiamo che cos’è il metacinema, ecco dieci esempi di pellicole con questa peculiare caratteristica al loro interno; spero vi piacciano e che me ne suggeriate!

Li conoscevate tutti i film citati? Sapevate cos’era il metacinema? Secondo voi questo piccolo post è stato utile? Fatemelo sapere, intanto vi saluto. CIAONE!^^

2.18
Charmed non ha rotto la quarta parete, ci ha fatto vivere le sue Charmed-Ones!