La casera Doana

P_20180722_100337.jpg

La Casera Doana è un bel rifugio nelle vicinanze dell’altopiano di Razzo, accessibile dopo un’oretta scarsa di camminata; camminata che assomiglia più a una passeggiata circondati prima dagli alberi e poi dalle bellissime montagne.

A me è piaciuto tantissimo girovagare per quei posti tranquilli ma pieni di vita, straripanti di fiori colorati e guardare come la flora locale impreziosisse il posto. Della fauna, sfortunatamente, non ho visto molto ma solo alcune orme nel fango di ungulati e un maestoso rapace che ha planato a pochi metri per poi risollevarsi in volo e scomparire tra gli alberi!

photo_2018-07-26_11-24-03

Scooby, il mio cane, si è divertito moltissimo a correre su e giù, a guardare il panorama e annusare tuttii posti in cui non siamo mai stati prima. Sull’area panoramica è stato fantastico perché proprio potevamo osservarlo mentre gironzolava e intanto goderci la maestosità della montagna che ci abbracciava forte. Stupendo.


La casera invece è un solido e grande edificio in pietra affacciato su una vista panoramica che dà su una valle bellissima di cui non conosco il nome. E’ un posto molto tranquillo con parecchie panche su cui sedersi all’esterno, poi ci sono anche stalla e altro edificio. Buonissimo anche il gatto!

Che aspetti?

P_20180722_111841_vHDR_On.jpg

Rifugio Cercenà (BL)

Il Cercernà è un bel rifugio raggiungibile sia a piedi sia in macchina vicino a Domegge (BL) e parte di uno dei tanti percorsi per arrivare al rifugio Padova. Ovviamente lo consiglio per fare due passi in tranquillità!^^

photo_2018-06-30_18-43-46 (2)

Conosco questo posto da anni, ci vado sin da quando ero bambino e fin da bambino percorro i sentieri nei boschi e i tratti di strada che caratterizzano questo bel percorso, capace di darti meravigliosi paesaggi delle montagne circostanti e piccole meraviglie della natura.

Ma partiamo dall’inizio.

photo_2018-06-30_18-43-46.jpg

Il sentiero a piedi inizia vicino al lago, dove potete lasciare le macchine, e parte spartendosi tra l’asfalto (mostrando quindi le meravigliose montagne e Domegge) e il magico mondo boschivo in cui se si è fortunato è possibile vedere pure qualche animale! Mai noioso, esso presenta pure alcune statue in legno, panchine, fontanelle e tantissimi segnali per non perdere il cammino principale; invece, la strada da fare in macchina, sfortunatamente, è stretta e mi spaventa molto anche se alla fine ci sono tot ore per salire e tot ore per scendere e quindi non c’è mai pericolo di scontrarsi.

photo_2018-06-30_18-43-37 (2)

E se vi piacciono i paesaggi, quello che si vede arrivati è bellissimo! Montagne ti abbracciano in un arco lapislazzuli con il cielo sereno le nuvole lunghe e bianchissime. Stupenda visione.^^

Mo? Che aspettate? Andate a fare una bella passeggiata montanara e viziare i vostri occhi!^^

Se ti è piaciuto scoprire questo rifugio, scommetto che amerai questi:

Bivacco Marsini

Rifugio Galassi

Bus del Buson

Una forra strettissima incisa probabilmente da un torrente subglaciale durante l’ultima glaciazione che a causa di una frana ha smesso di bagnare la gola, lasciando un luogo ameno e intrigante a noi.

photo_2018-04-30_19-12-53.jpg

Vicino a Belluno c’è questo bel posto molto facile da raggiungere mediante una piacevole passeggiata, un posto che consiglio a tutti. Ah e poi dopo avere fatto la passeggiata si va a mangiare alle Case Bortot!

 

La passeggiata è molto semplice, si inizia di solito dal ristorante già citato e si cammina per una stradina di terra battuta in mezzo agli alberi,per poi scendere di parecchi metri con una discesa dolce accompagnata anche da intagli nel legno. Poi la salita anche se dolce è pur sempre una salita. Ecco, ci sono due possibili aperture per scendere o salire, consiglio di scendere alla secondo perché ammirare gli intagli e i fiori e la vegetazione, mentre per salire sono più comodi i gradini.

photo_2018-04-30_19-12-50 (3).jpg

Il Bus del Buson, chiamato anche Buson de la S’cesòra, è un posto molto bello anche se umido e quindi può risultare molto freddo. Le pareti rocciose sono molto alte lavorate: infatti, si possono notare i solchi lasciati dall’acqua e dal vento, solchi che trovo molto affascinanti.

Mi dicono che nella gola si fanno anche concerti strumentali perché in effetti l’acustica là è perfetta.

Stare là mi ha fatto pensare al film horror The Descent grazie alla bellezza delle rocce che comunque sembrano chiuderti dentro di sé lasciandoti un piccolo senso di claustrofobia.

Ecco, detto tutto, consiglio di andarci perché comunque il posto merita, anche se consiglio di avere con sé una felpa.

PS: il mio cane era spaventato dal luogo, era leggermente irrequieto.

 

photo_2018-04-30_19-12-50 (2).jpg

E per me estate…

Cansiglio-150818 (11).JPG

Tra poco sarà di nuovo estate^^
E per me estate significa la montagna, a imprecare con il fiato lasciato alla macchina mentre cerco di raggiungere quel benedetto rifugio o gli altri ragazzi con i loro zainoni pieni di cibo, tenda e impedimenta vari. E per me significa la mucca che ti guarda chiedendosi perché la stia importunando, i cervi veloci che non vedrai mai da vicino se non la coda e uno zoccolo se sei fortunato, gli uccelli bellissimi che però non ti fili sperando invece di notare qualcosa di più raro. E per me estate significa il sentirsi scemi perché sei arrivato al rifugio dopo tre ore di salita e ora devi tornare indietro. xD

Tra poco sarà estate e la passerò sui libri perché ho dato positivamente pochissimi esami.

Un bel remake coi baffoni posticci: assassinio sull’Orient Express!

il-secondo-poster-di-assassinio-sullorient-express-maxw-1280.jpg

Film bellissimo, un riadattamento perfetto.

Mi è sempre stato antipatico il personaggio di Poirot perché lo avevano sempre reso quasi onnisciente e un gradino sopra agli altri. In questo film non è così: egli è umile, ammette di riuscire a vedere le imperfezioni della realtà e quindi a intuire la natura criminale nell’uomo ma lo fa sempre oggettivamente, è dotato di un’umanità eccezionale e finalmente è un uomo normale. Per questo lo ho adorato.

Gli altri personaggi sono tutti molto belli anche se ovviamente solo alcuni mi sono rimasti impressi: Natalia Dragomiroff e Caroline Hubbard, forse perché sono interpretati da due attrici che trovo eccezionali.

Natalia Dragomiroff è una nobile anziana e queste due caratteristiche si combinano in una donna forte, determinata, stronza, sa quello che vuole e lo vuole nel modo migliore. Mi ha fatto morire quando si è scelta la cabina che le piaceva di più, scartandone molte, per poi meravigliarsi che i suoi bagagli non si fossero già materializzati nel cubicolo lussuoso che si era scelta facendosi odiare dai facchini. Comunque, oltre ad apprezzarla per tutto lo sfarzo che c’è in ogni sua scena, mi ha fatto pensare quanto sia sola: non riesce mai a staccarsi dai suoi cagnolini, che tratta come figli.

Caroline Hubbard, invece, è una donna molto bella e affascinante; forse un pochino facile. Ogni volta viene mostrato il suo fascino, la sua piacenza, riesce  a mettersi in mostra anche con ragazze di trenta anni più giovani in giro. Ma la sua figura è anche la più fittizia: infatti, si rivela una donna consumata, straziante e ancora infinitamente potente. La vera dea della pellicola.

Alla fine consiglio questo film per le spettacoli meraviglie paesaggistiche che propone, per le recitazioni perfette degli attori, per i colpi di scena finali. Stupendo.

Il sentiero del papa

La prima parte l’ho trovata parecchio noiosa, soprattutto perché camminavo nel bosco (non c’era nessun animale ed era calma piatta); poi ho ascoltato le cuffiette e sono partito a razzo, distanziando di molto il resto della famiglia. Abbiamo cenato su un tavolo da picnic con vista la foto in alto, poi siamo scesi in strada con un’oretta di cammino.

Bella? Sì! Consigliabile? No: per tutto il sentiero ci sono cartelli che mostrano gli aforismi dei papi sulla natura messi a caso; come già detto nel bosco è noioso perché non essendoci cose sorprendenti è monotono…

Il mio viaggio in Grecia

grecia 2017 157
Le rovine di Olimpia

Ieri sera sono tornato a casa dalla mia gita in Grecia.^^

Il viaggio mi ha deluso  soprattutto perché ho scoperto di non essere un classicista: nelle maestose rovine greche ho trovato solo anticaglie rovinate dal tempo, dominate dalla vegetazione e dai cani/gatti.

Inoltre, ciò che mi ha colpito maggiormente è stato l’alto numero di cani apparentemente senza padrone che vagano sconsolati nelle città e nelle rovine. Forse ce ne sono tanti per colpa della crisi, ma comunque sono troppi! Mi hanno spezzato il cuore: erano molto affettuosi…

Al cinghiale!

Ieri sono andato in vacanza! A Domegge, un bel paesino del Cadore molto bello e tranquillo.^^

Oggi, quindi, sono andato assieme ai miei genitori ad Auronzo e insieme abbiamo fatto il giro del lago. Oltre al fatto che faceva un freddo bestia a causa anche dell’ombra prodotta dal sole, che era dietro alla montagna, ho potuto godere di una vista della cittadina e delle montagne innevate molto bella e soprattutto, alla fine… un cinghiale (o maiale molto grosso).

Eravamo quasi arrivati al ponte e ci eravamo fermati per permettere a mio papà di messaggiare e… lo vedo! O meglio, la vedo: sopra di noi, scendendo da un sentiero, c’era un cinghiale femmina, dal manto macchiato e beige, che trotterellava sereno. Subito a fare foto, ovviamente, anche se poi quando credevamo di essere soli, ecco il bis: un cinghialotto nero che sereno è sceso fino a pochi metri da noi e che poi si è avviato tranquillo lungo la strada. Come se niente fosse.

Che bello! Vi consiglio Auronzo di Cadoro.^^

Natalizio

Buone vacanze natalizie^^

Bivacco Marsini

 

 

 

 

 

 

 

Bivacco Marsini

img_0030

Il Bivacco Marsini è un simpatico edificio vicino al Molinetto della Croda (provincia di Treviso) in cui è possibile passare la notte. Molto facile da raggiungere, offre delle strutture in legno nel piano superiore per i sacchi a pelo, mentre al piano terra si trovano un comodo camino e un tavolo con tanto di panche^^


Paesaggio visibile dal Bivacco Marsini.


img_0014

Venendo su per il sentiero che ha inizio al Molinetto della Croda è possibile scorgere anche qualche salamandra, soprattutto se si viaggia di sera. Alcuni miei amici che sono saliti di notte hanno detto che sono stati letteralmente invasi da esse.


 

A me questa casera, se così si può chiamare, è piaciuta tanto. La ho trovata molto accogliente e anche luminosa, avendo essa un camino bello grande e una svariata serie di candele; tuttavia non ha molte finestre e questo può essere un disagio per il fumo…

La consiglio, andateci^^

Carpe diem