Tieni, Venere, mia bella Venere

I suoi lunghi capelli d’oro spazzavano via ogni dubbio, era lei la giovane donna che era andato cercando l’intera giornata. Gli occhi luminosi di un folgorante e radioso arancione sembravano brillare durante il tramonto ed era stato quello ad allarmare l’uomo di avere finalmente trovato la propria vittima.

L’aveva cercata per molto tempo, era la sua missione uccidere quelli come lei. Aveva stanato e ucciso la Sgozzatrice di Ravenna, il suo corpo era stato trovato acefalo appeso a un ponte sul pelo dell’acqua; quindi, si era diretto a Parigi, era ciò che gli era stato detto mentre le strappava i denti. Nella capitale francese un giovane ragazzo preso dai fumi poco fuori da una discoteca era stato facilmente la successiva vittima, gli aveva tolto a mano con la tenaglia i canini e decapitato la testa con un seghetto da legno; il ragazzo era troppo fatto per accorgersi del dolore e del pericolo: era come una bambola a cui stava per essere strappata la testa, mentre lo guardava dicendogli senza nemmeno accorgersene il prossimo tassello dell’orrido che quella popolazione formava all’interno del mondo. La preda era una giovane donna, viveva tra gli agi di Venezia.

-Pensi non ti veda?-

La giovane donna vestiva un elegante vestito di pizzo bianco che le lasciava libere le braccia, lisce e snelle, il busto era coperto da un intricato disegno che le formava un roseto attorno alle sue forme deliziose; la gonna lunga e larga volteggiava mostrando maliziosamente le gambe belle per colpa del vento, per il quale lei con una mano si teneva saldato in testa il largo cappello bianco. Si trovava in una piazza, su una mattonella grigia, ad osservare la vetrina di una gioielleria, teneva il proprio ombrellino di seta candida poco lontano dal vetro per proteggersi dal sole e non macchiare la sua pelle immacolata di melanina. Lui le stava dietro, lei probabilmente lo aveva notato dal riflesso del negozio, scuro rispetto al sole morente che lo affrontava.

-Tu hai ucciso Anita e François, se fai qualcosa io urlo. Capito?-

La preda si voltò lentamente, era consapevole di essere una bellezza a cui gli uomini d’Italia potevano solo sospirare; sapeva che se lei avesse anche solo mostrato un minimo di disagio il vecchio uomo che le si parava di fronte sarebbe stato prima pestato a sangue e poi arrestato: le ignominie come lei avevano sempre plasmato la folla come più le aggradava. Solo allora, voltatasi, l’uomo poté scrutarle il viso e ne rimase folgorato, mai prima di quel momento aveva potuto essere toccato nel cuore da uno sguardo tanto dolce e puro; dovette indietreggiare e lei sorrise soddisfatta.

-Vogliamo andare a bere qualcosa, signore?-

La giovane donna si allontanò dalla vetrina e stando bene attenta a proteggersi dal sole con il suo ombrellino, si diresse verso il baretto dall’altra parte della piazza; quando si sedette, aspettò che l’uomo la raggiungesse al tavolino esterno, quello più visibile rispetto al resto della piazza e una volta riunitisi sorrise e depose il cappello. Un’onda d’oro si sprigionò da quel gesto, gonfiata dal vento e finalmente libera di nuotare nell’aere. Quindi, sempre tenendosi protetto il capo, prese tra le dita sottili il listino del menu e decise cosa prendere. I due, messisi d’accordo riguardo alle comande, ordinarono.

-Tu hai ucciso Anita e François, signore.-

-E la tua stirpe ha trucidato centinaia della mia razza, signorina. Questo lo sa vero?-

-Dettagli. Io non ho mai ucciso nessuno, io sono pura. Puoi dire lo stesso, signore?-

-No, ma qualcuno dovrà pure eliminarvi, signorina. Perché allora non chi ha perso il figlio?-

-Non è morto. Ha solo rinnegato il passato. Dovresti farlo anche tu, ti sentiresti meglio senza un morto sulla coscienza; ti godresti almeno oggi la speciale notte delle streghe. Tutti dovrebbero farlo: è unica.-

Detto ciò, la giovane ragazza rimase in silenzio e lasciò fuori di sé le urla che l’uomo le volgeva contro con estrema ferocia, aspettò che arrivasse il cameriere con la bottiglia di vino rosso e il salatino che l’uomo aveva ordinato e li lasciò tutti, andandosene eterea tra le viuzze di Venezia. Sapeva di essere nuovamente seguita, percepiva il sudore acre e fetido proveniente da quello strano vecchio e lui poteva capire dove la sua preda stesse andando grazie ai suoi rumoreggianti sandali bianchi con il tacco a spillo. La preda si muoveva come si muove un gatto: ammirata, elegante e irraggiungibile, di una perfezione innata e stranamente veloce nonostante il portamento fine; fu difficile starle dietro attraverso le numerose vie che si intrecciavano, i ponti che solerte attraversava e le piazze. Solo alla fine, la vide entrare in un cancelletto; allora la seguì all’interno di una proprietà privata ottocentesca, percependo con ansia il coltello da cucina che aveva comprato in aeroporto con un servizio da cucina.

-Dove sei? Sai benissimo che ti troverò! Vieni fuori.-

-Sono qui!-

Era una casa vecchia, costruita con lo sfarzo non più trovabile di questi tempi. Stava su più piani, tutti connessi da due scalinate in marmo bianco, una a est e un’altra a ovest; il pavimento era lucido e nero, le grandi finestre squadrate filtravano una luce sanguigna e sembravano preannunciare l’orrore di cui l’uomo sarebbe stato partecipe: presto un’altra testa sdentata si sarebbe aggiunta a una raccolta di abomini che lui teneva per salvaguardare il mondo. Non trovando nessuna prova di vita nel salone principale, nella biblioteca, nella sala da pranzo e nelle varie sale per l’agio degli ospiti, l’uomo raggiunse le scale ad ovest e attraverso quelle raggiunse il primo piano, totalmente diverso da cosa qualcun altro si sarebbe mai potuto aspettare da una creatura tanto dolce all’apparenza.

-Sto venendo da te! Spero… Spero tu provi tutto il dolore che ho provato io! E che hanno provato anche queste povere persone!-

-Certo, signore. Vieni, vieni, ti aspetto nuda.-

La voce proveniva dalla camera padronale, alla fine del corridoio. Se si fosse fermato a metà di esso, avrebbe potuto scorgere il cortile interno, impreziosito da una fontana anch’essa marmorea e dalle aiuole di rose rosse tutte intorno ad essa, ma la sua attenzione era totalmente rapita dalle decine di cadaveri in putrefazione e totalmente anemici riversati lungo il corridoio; a un certo punto, l’uomo dovette pure scavalcarne una pila ma alla fine raggiunse la camera da letto su cui la giovane donna dai lunghi capelli d’oro lo aspettava distesa e sorridente. Quando vide lei, il cuore di lui minacciò di fermarsi: mai prima di quel momento era stato toccato da tanto splendore. I seni piccoli ma sodi, i fianchi snelli ma le cosce larghe, il visetto malizioso e le mani che si contorcevano attorno al sesso, l’uomo cadde in ginocchio; gli occhi della preda ridevano.

-Su, vieni, non avere paura. Tuo padre non può più farti del male, fagli ciò che lui avrebbe fatto a noi. Uccidilo, amore, e offrimi il suo sangue.-

Dall’ombra protesa dalle tendine di quel baldacchino uscì un giovane prestante coperto solo da una lunga camicia sporca di sangue; era completamente vestito di sangue. Gli occhi di ghiaccio che tanta tenerezza trasmettevano durante l’infanzia ora lo guardavano gelidi, l’uomo capì che non avrebbe mai lasciato quel palazzo. E quando il vampiro con un colpo del machete che teneva in mano lo decapitò, ne ebbe la prova.

-Tieni, Venere, mia bella Venere, divora lo sterminatore. L’ho fatto per te!-

-Chiamami con il mio vero nome.-

-Certo, mia donna. Tieni, Alžbeta.-

 

 

Il castello di Otranto

Scritto da Horace Walpole nel 1764, Il Castello di Otranto è il primo romanzo gotico, famoso per essere riuscito a fondere in sé il genere letterario epico-cavalleresco, ormai uscito di moda già nell’epoca elisabettiana, con il genere architettonico gotico.
La fortuna di questo fantastico romanza si basa sulla sua capacità di creare un’atmosfera magica usando solo un castello medievale e un’epoca di credenze e superstizioni, capaci di trascinare il lettore in un vortice di apparizioni e nefandezze: la lettura è fluida e coinvolgente e può piacere a chiunque.

Trama:
Siamo al Castello di Otranto. La bella Isabella sta per sposare Corrado, il malaticcio figlio dei signori di Otranto Manfredi e Ippolita, quando i servi corrono a interrompere l’attesa delle nozze con una terribile notizia: un elmo gigantesco ha schiacciato l’erede di Otranto e il quasi marito di Isabella. Da qui le manifestazioni paranormali saranno sempre maggiori fino ad arrivare all’omicidio perpetrato in famiglia.

A me questo libro è piaciuto molto e lo ho letto tutto d’un fiato: è corto e non annoia mai. In esso ho trovato quel gusto per un Medioevo notturno e sepolcrale, popolato di terrificanti fantasmi e di eventi prodigiosi, di vendette e di antiche profezie. Inoltre, non c’è mai vera violenza, ma sempre un’atmosfera mistica e cavalleresca.


Lo consiglio a tutti.^^