Un cartone per Halloween: Hotel Transylvania

Hotel_Transylvania_logo.svg

 

Allora, visto di recente, lo consiglio a tutti.^^

L’idea di proporre tutti i mostri dell’orrore romantico mi è piaciuta tantissimo. Ho adorato ogni singola interpretazione delle leggende gotiche, anche se  il licantropo è fantastico, il mio preferito: mi ha ricordato le movenze e le espressioni di un vero cane. Secondo me si sono ispirati alla storia del Mostro di Frankenstein rielaborando il nostro spirito di sopravvivenza e facendo diventare gli uomini i veri mostri e le povere creature dell’ombra solo povere vittime che si devono nascondere per potere sopravvivere.

Inoltre, nel film ho trovato alcune citazioni pop: alcune canzoni pop tra cui Sexy and I know it, una famosa scena parodiata di Twilight (quello del 2008) e poi tutta una serie di oggetti e nostre usanze tipicamente umane. Sotto questo punto di vista fa molto ridere!

Nel film comunque ci sono alcuni temi topici: il rapporto padre/figlia con quest’ultima presa dal furore per la libertà, la xenofobia e la concezione di mostruosità; seppur temi molto importanti sono trattati seriamente ma senza troppa pesantezza, utilizzando l’umorismo in maniera intelligente e una buona dose di trucco, proprio per far vedere che oltre all’aspetto non siamo necessariamente diversi.

Lo consiglio a tutti: in italiano ci sono i doppiatori Claudio Bisio e Cristiana Capotondi, mentre in madrelingua prestano le loro voci Adam Sandler, Selena Gomez e una sfilza di altre star americane! Da guardare!

Il crocevia degli equivoci

Monte_Carlo_Poster

Questo film mi è piaciuto veramente tanto^^

Parla di Grace, interpretata da Selena Gomez, che reduce da un catastrofico tour in Francia viene scambiata per l’ereditiera Carmelia e ne prende le veci, godendosi una favolosa vacanza in compagnia della migliore amica Emma (Katie Cassidy) e dalla sorellastra Meg (Leighton Meester).

Ho intitolato questo articolo il crocevia degli equivoci perché questo bel film (non eccelso ma positivo di messaggi), oltre a basarsi nella sua storyline all’equivoco appena citato, è un vero e proprio bivio e luogo d’incontro: ci sono attori canadesi, americani, francesi e pure un italiano! Inoltre, anche la trama è un continuo spostamento, favorito dal fatto che il film racconta le vicende mostrando le azioni e le scelte di vari personaggi, fino ad arrivare al finale, dove ogni nodo va al pettine.

Consigliato^^