Tomb Raider: un gioco che non consiglio.

Lara Croft Tomb Raider: Anniversary è un remake liberamente ispirato al primo gioco Tomb Raider sviluppato usando una versione migliorata del motore grafico di Tomb Raider: Legend contenente molte delle ambientazioni presenti nell’originale. Nonostante cronologicamente si collochi molto prima, è la seconda parte di una trilogia iniziata con Tomb Raider: Legend e terminata con Tomb Raider: Underworld.

Trama:
In questo capitolo, l’ereditiera e archeologa Lara Croft viene ingaggiata da Natla per recuperare lo Scion, un manufatto leggendario. Quindi la famosa Tomb Raider partirà in una missione da più tappe per cercare tale opera cercata anche da suo padre in un viaggio pieno di avventure e pericoli.

Commento dei livelli:
Dato che questo videogioco è molto lungo da giocare e caratterizzato da situazioni sempre complicate e originali, ho pensato di fare un commento capitolo per capitolo in medias res.
Perù: le grotte sono molto belle e vedere un’intera valle nascosta dentro alle rocce e alle rovine l’ho trovato estremamente affascinante; in generale la grafica mi è piaciuta moltissimo, anche se Lara Croft poteva essere fatta meglio, le tette ad esempio sembrano due pali. La fase tutorial fuori dalla montagna è stata molto difficile anche perché non avevo confidenza con i comandi e secondo me alcune azioni erano troppo difficili per quella difficoltà; invece, i primi animali capito come sconfiggerli erano facili -ma i dinosauri erano molto difficili e li ho battuti solo su un masso- e ho adorato scoprire di potere nuotare e spingermi in profondità (la mia prima volta videoludica). Il meccanismo ci ho messo giorni a capire come sbloccarlo, è stato molto difficile ma alla fine molto gratificante e ho apprezzato che sia riuscito a farlo funzionare solo dopo un’attenta perlustrazione dell’intera area compreso il boss del Perù.
Grecia: le rovine greche sono senza dubbio affascinanti, soprattutto perché lei le vive, saltandoci sopra o appendendosi alle loro sporgenze anche se poi si lascia andare a perle del tipo “Dal tipo di rovine la popolazione non doveva essere troppo primitiva” parlando delle civiltà greche. Il luogo più completo e difficile è sicuramente il Palazzo di Mida perché offre molte situazioni in cui bisogna pensare e nemmeno tanto facili da risolvere al primo colpo da soli; poi là iniziano a esserci anche i coccodrilli, che sono veloci sia in acqua che sulla terra, e le pantere. Consiglio di prendersi del tempo perché è basato molto sulle alture e le sporgenze e sbagliare è facile così come dimenticare un’azione fondamentale per andare avanti.
Egitto: come nelle altre tappe la grafica è molto bella e gli ambienti sono caratteristici e dettagliati; mi è piaciuto soprattutto come hanno realizzato le statue degli dei che possono essere trovate in varie grandezze e fattezze. Come in Grecia Lara si lascia a riflessioni che lasciano dubbi sulla sua laurea in archeologia ma comunque dimostra la sua intelligenza tramite semplici indovinelli risolvibili tramite l’osservazione dell’ambiente; quello più bello è sicuramente nel Tempio dello Scion, quello degli scarafaggi, facile ma soddisfacente. I nemici caratteristici dell’Egitto sono mummie di tigri e pipistrelli mummificati giganti, tutti in grado di sparare palle di fuoco e pronti a farci fuori (una volta l’impatto mi ha scaraventato in un precipizio), anche se lasciano sempre spazio anche ad altri animali come topi, pantere e centauri. Dal punto di vista della mappa e dei percorsi è abbastanza facile anche se col rampino continuo ad avere enormi problemi e per i neofiti come me possono essere davvero complicati alcuni passaggi nel Tempio di Khamoon dove rampini e lame rotanti rendono le cose moolto difficili. Consiglio di prendersi del tempo perché gli ambienti sono i migliori, finora.
Atlantide: bello, bello, bello; ci sono lava e rocce. Mi è piaciuto molto il punto in cui mi sono fermato e che mi ha fatto pensare di non giocare più: la grande Piramide in cui ci sono rocce colorate, simboli strane che si accendono, bulbi enormi e rossi da cui escono i mostri. Non ho potuto apprezzarne la giocabilità né combattere il boss finale del boss perché era impossibile e non mi divertiva.

Boss:
T-Rex: ci ho perso la testa e non capivo cosa fare. Arrivato a un livello di frustrazione molto alto la gratificazione per la sua sconfitta è stata anche maggiore; forse avrebbero dovuto aiutare di più a capire come sconfiggerlo, essendo il primo boss della storia.
Centauri: due temibili e inquietanti Centauri guardiani dello Scion, animatisi per proteggerlo e impedire che esca dal tempio. Fatti fuori dopo alcuni tentativi, capito come fare è molto semplice: dico solo che consiglio di farli arrabbiare, abbassarsi o rubare e usare i loro scudi.

Commento generale:
Due coglioni!
E’ impossibile da giocare sulle piattaforme con il rampino a tempo, con la tastiera è impossibile da giocare (e allora perché c’è anche per PC????) e certi scontri con la tastiera sono impossibili. Non mi è mai capitato di arrabbiarmi tanto per un videogioco, ho sempre giocato per rilassarmi ma mai mi sono alterato tanto perché non risponde ai comandi, è lento nel farlo se risponde, è impreciso, molte volte fa eccezioni ai comandi di salti durante le sparatorie e per il rampino che distruggono molte volte tutta l’azione; io mi sono fermato alla Piramide, uno dei livelli di Atlantide, e quindi posso dire di essermi anche avvicinato alla fine ma veramente una frustrazione assurda e poi la soddisfazione che ne dovrebbe derivare dopo non è tanto alta dopo un poco che ci giochi perché sai benissimo che sarai di nuovo frustrato.
Gli animali da ammazzare sono facili di per sé, il peggio è proprio rampino e comandi per saltare.
Come già annunciato la grafica è molto bella, in basso in spoiler ci sono varie foto fatte con il mio telefono per mostrare la sua bellezza, la bellezza degli ambienti di cui ho già parlato.

Consiglio questo videogioco?
Non so, ai fan della serie deve piacere tantissimo. Ma io sono un neofita e forse perché lo ho giocato con la tastiera non ho potuto apprezzarlo, anzi. Mi spiace ma lo consiglio solo a chi gioca serio e non per divertirsi.